People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet People For Planet
Aggiornato: 1 ora 7 min fa

Malattie sessualmente trasmesse: un milione di nuovi casi al giorno nel mondo

Ven, 06/07/2019 - 10:13

Pubblicata online sul Bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità una ricerca che mostra che tra uomini e donne di età compresa tra 15 e 49 anni, nel 2016 c’erano 127 milioni di nuovi casi di clamidia, 87 milioni di gonorrea, 6,3 milioni di sifilide e 156 milioni di tricomoniasi. La sola sifilide ha provocato nel 2016 circa 200.000 morti neonatali e morti neonatali nel 2016, rendendola una delle principali cause di perdita del bambino a livello globale. LA RICERCA OMS–  STRATEGIA GLOBALE SULLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI 2016-2021.

CONTINUA SU QUOTIDIANOSANITA.IT

Riscaldamento globale: di quanto salirà il livello dei mari?

Ven, 06/07/2019 - 08:00

Il riscaldamento del pianeta causa lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello dei mari… di quanto? Nella giostra dei centimetri è facile perdere di vista quello che dovremmo fare.

L’innalzamento del livello dei mari è un fenomeno accertatoin atto: la causa prima e diretta è lo scioglimento dei ghiacci continentali – lo sono quelli di Groenlandia, Canada, Antartide (mentre i ghiacci del Polo Nord non contribuiscono, perché già si trovano sull’acqua) – e in parte anche il riscaldamento della superficie degli oceani, che dilata la massa d’acqua. Su ciò che produce lo scioglimento dei ghiacci c’è una sostanziale convergenza di idee: l’aumento della temperatura media del pianeta (il riscaldamento globale).

C’è meno accordo, invece, sulla dimensione del fenomeno (di quanto si alzano e alzeranno i mari?) e sul picco, ossia quando raggiungeranno il massimo livello – ferme restando le condizioni attuali.

Non si tratta di confusione scientifica: il problema sono la quantità e l’enormità della variabili in gioco per un sistema così complesso come il Pianeta Terra. Il occasione del secondo Global Climate Strike for Future (24 maggio 2019) abbiamo raccontato di uno studio che, sulla base di scenari elaborati dall’IPCC, ipotizza un aumento di livello fino a 2 metri entro il 2100. Qui, invece, riportiamo l’orientamento della Nasa, che in base ad altre simulazioni ritiene che il livello dei mari salirà meno di 90 centimetri da qui a fine secolo.

Continua a leggere su FOCUS.IT

Più tetti fotovoltaici e meno bollette? Col reddito energetico si può

Ven, 06/07/2019 - 07:07

Sono passati quasi due anni da quando è stato annunciato il primo progetto di reddito energetico italiano di Porto Torres, Comune della Sardegna. L’obiettivo è quello di creare un circolo virtuoso per far aumentare il numero di tetti fotovoltaici, far crescere la sensibilità ambientale, ridurre le spese per le bollette e diffondere la cultura delle rinnovabili.

La prima esperienza, quella di Porto Torres

Il Sindaco Sean Wheeler con la collaborazione del Gestore dei Servizi Energetici – GSE, ha deciso per primo di testare un nuovo percorso per ridurre le bollette energetiche dei suoi cittadini che, al contempo, crei un sistema virtuoso che si autofinanzi e riduca l’approvvigionamento energetico da fonti fossili.

Il meccanismo alla base del reddito energetico di Porto Torres è semplice: l’amministrazione ha investito 250mila euro l’anno in un fondo rotativo le cui risorse sono state assegnate tramite bando alle famiglie in difficoltà economica per l’acquisto in comodato di impianti fotovoltaici domestici (<20 kW di potenza). I pannelli sono stati poi assegnati tramite bando pubblico.

L’energia prodotta aiuta le famiglie nel pagamento della bolletta e quanto non viene consumato è rivenduto alla rete elettrica. Il ricavato è inserito in un fondo comunale che crescerà nel tempo e sarà usato per l’acquisto di nuovi pannelli.

Il Comune ha spiegato che, a oggi, il progetto ha permesso a circa cinquanta beneficiari di ottenere un sistema fotovoltaico in forma gratuita, tradotto in numeri: quasi 30 MWh di energia prodotta e 13,6 ton di CO2 evitata.

Dopo questa esperienza anche la Puglia, con legge regionale, ha lanciato la proposta di reddito energetico, per diffondere il fotovoltaico in maniera gratuita per i meno abbienti, che siano utenze residenziali domestiche singole o condominiali.

Cosa prevede la proposta di legge del reddito energetico in Puglia?

La Regione acquisterà impianti fotovoltaici destinati alle abitazioni domestiche, mettendoli a disposizione in comodato d’uso gratuito per 9 anni, rinnovabili fino a un massimo di 25 anni. I pannelli verranno assegnati tramite bando a quelle famiglie che presentano condizioni di disagio socioeconomico. Anche in questo caso, coloro che si aggiudicheranno l’impianto dovranno attivare lo scambio sul posto dell’energia prodotta, attraverso una convenzione con il Gestore dei servizi energetici (Gse).

I cittadini dunque diventano non solo fruitori, ma anche produttori di energia, promuovendo un modello di generazione distribuita e favorendo l’autoconsumo.

La Puglia, con il suo Piano energetico, si è già impegnata nella riduzione dell’uso dei combustibili fossili a favore delle fonti rinnovabili con l’obiettivo di produrre – entro il 2030 – il 32%  dell’energia da fonti rinnovabiliper rispettare i target previsti dalla direttiva europea. La Puglia, a oggi, è la Regione che brucia più carbone in Italia, basti pensare che oltre il 40% del consumo nazionale viene bruciato in una fascia di 70 Km tra Brindisi e Taranto.

La proposta di Milano

È di fine marzo 2019, quindi molto recente, l’approvazione del reddito energetico da parte del Comune di Milano, il quale ha stanziato 300mila euro in un fondo pubblico con cui, come accade per Porto Torres e nel bando della Regione Puglia, finanzierà l’installazione gratuita di impianti fotovoltaici sulle case dei cittadini; in questo caso verrà valutato l’ISEE più basso.

Limiti da superare

È vero che con sempre più Comuni che partecipano al modello il fotovoltaico si diffonderà più rapidamente e si compirà un importante passo verso la riduzione di CO2, ma davvero il fondo darà accesso alle famiglie più bisognose?

Per installare un impianto fotovoltaico con il bando di Porto Torres è indispensabile possedere un’abitazione di proprietà e questo pone dei limiti al fatto che a usufruire del fondo siano esclusivamente famiglie bisognose. È stata un po’ questa la motivazione di una contestazione fatta al Comune: in questo primo bando molte famiglie, quelle effettivamente meno abbienti, in affitto, o in abitazioni “non in regola” – magari coi permessi edilizi – non hanno presentato domanda. E le assegnazioni sono andate a famiglie con redditi più alti.

Nel caso di Porto Torres dunque, che è quello con una più storia più lunga di avanzamento del progetto, il modello ha dimostrato di funzionare, a patto che venga rivisto, nei bandi successivi  e nei nuovi, da parte dei Comuni o delle Regioni che seguiranno ad implementarlo, le migliori procedure applicative e i requisiti da chiedere per garantire in tutto ciò che si propone.

Altre Fonti:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/03/01/reddito-energetico-pannelli-solari-a-chi-non-puo-pagare-le-bollette-in-puglia-il-pd-approva-la-legge-m5s-e-la-prima-regione/5004622/

http://www.rinnovabili.it/energia/fotovoltaico/reddito-energetico-porto-torres/

http://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2017/11/10/news/reddito-energetico-e-bufera-sui-5-stelle-1.16104462
https://www.comune.porto-torres.ss.it/

Immagine di copertina: Disegno di Armando Tondo

Hotel e ristoranti contro TripAdvisor. La risposta: «Abbiamo democratizzato il settore»

Ven, 06/07/2019 - 02:14

Abbiamo recentemente raccolto le segnalazioni di ristoratori e albergatori stanchi di doversela vedere ogni giorno con recensioni offensive, di cui alcune false, scritte da utenti anonimi, impossibili da rintracciare anche soltanto per capire se hanno mai varcato la soglia per un pasto o una stanza.

La protesta di migliaia di operatori del settore è confluita da qualche anno sul gruppo Facebook “Gufo? No, grazie!”. Si scambiano pareri, postano le recensioni più strampalate, si sfogano tra loro. Il nemico numero, al di sopra delle altre piattaforme, è TripAdvisor per via di una sostanziale mancanza di tutela rispetto a recensioni diffamatorie e/o fasulle.

A raccontare a People for Planet com’è nato il gruppo e questa battaglia contro le recensioni non autentiche è stato Roberto Peschiera, ex ispettore per la Guida Michelin, che oggi anche grazie alla sua attività di consulente incontra spesso albergatori e ristoratori e ne raccoglie i malumori. I più “coraggiosi” ormai esibiscono l’adesivo del gruppo sulla porta della propria struttura, adesivo che Peschiera ha portato anche al ministro del Turismo Gianmarco Centinaio.

La protesta sta arrivando dunque ai piani alti, nella speranza che le segnalazioni di questo attacco alla professionalità e alla passione di chef ed albergatori si traducano in una presa di posizione istituzionale a loro favore, contro la diffamazione e il danno d’immagine che subiscono.

Tra le accuse più ricorrenti verso Tripadvisor, quella di consentire agli utenti l’anonimato e la possibilità di celarsi dietro un nickname senza dover esibire prove della fruizione effettiva del servizio. Lo stesso Peschiera ci ha raccontato dettagliatamente come sia possibile (e anche relativamente semplice) recensire locali chiusi o inesistenti, creati ad hoc.

Accade perché a registrare il profilo di hotel e ristoranti su Tripdvisor non sono i legittimi proprietari ma il primo cliente che decide di recensirli. I proprietari possono riscattare quel profilo e gestirlo, ma coloro che decidono di sottrarsi al meccanismo si negano la possibilità di inserire informazioni o modificare quelle che un soggetto terzo (che, appunto, potrebbe non aver mai provato una loro pietanza o un loro letto) ha inserito.

Fin qui la storia del gruppo “Gufo? NO, grazie” e la versione degli operatori.

Abbiamo informato Tripadvisor della nostra intervista e degli argomenti che avremo trattato. Ci hanno risposto punto per punto con risposte più o meno convincenti.

Il problema delle false recensioni è stato recentemente portato anche all’attenzione del ministro del Turismo GianMarco Centinaio. Al ministro, i fondatori del gruppo Facebook “Gufo? No, Grazie!” hanno consegnato gli adesivi simbolo del gruppo, che stanno via via inviando a ristoratori e albergatori schierati contro le recensioni sulla vostra piattaforma.

La invitiamo a contattare direttamente l’ufficio stampa del Ministro al fine di verificare alla fonte la sua posizione rispetto a TripAdvisor.

La popolarità di TripAdvisor è evidente. Di che numeri parliamo? Quante recensioni ospita? E quali vantaggi portano queste recensioni ai viaggiatori e a chi opera nel comparto dell’ospitalità e della ristorazione?

TripAdvisor è il sito di viaggi più grande al mondo che dà ai viaggiatori la possibilità di accedere gratuitamente a una quantità incredibile di opinioni di viaggio scritte da altri viaggiatori proprio come loro: più di 730 milioni di recensioni e opinioni relative a 8.1 milioni di alloggi, compagnie aeree, attrazioni e ristoranti in tutto il mondo.

TripAdvisor è nato e cresciuto su tre principi fondamentali: dare voce ai viaggiatori, promuovere la trasparenza nel settore turistico e creare un dialogo equilibrato tra proprietari/gestori e clienti in cui tutte le strutture sono sullo stesso piano indipendentemente dalle dimensioni. Rimanendo fedeli a questi principi, crediamo di aver avuto un impatto positivo sull’industria dell’ospitalità nel corso degli ultimi 19 anni. E non siamo gli unici a pensarlo: il 75% dei business italiani concorda sul fatto che i siti di recensioni online come TripAdvisor abbiano un impatto positivo sull’industria dell’ospitalità e sugli standard di servizio e il 70% di questi ha adottato delle misure per migliorare la qualità del servizio offerto grazie alle recensioni dei viaggiatori.

Abbiamo contribuito a democratizzare il settore, a renderlo più trasparente e a migliorare gli standard di servizio in tutto il mondo. Abbiamo dato a ogni struttura, indipendentemente dalle sue dimensioni, la possibilità di promuoversi in tutto il mondo. Infatti, per le strutture più piccole che hanno un budget limitato o non ce l’hanno proprio, TripAdvisor ha livellato il ‘terreno di gioco’ e rappresenta per tutti una vetrina gratuita che permette di mostrare e promuovere il proprio business a un’audience mondiale di 490 milioni di utenti unici al mese.

Ma ci si può fidare di una recensione? Che metodi utilizzate per verificare che le opinioni inserite sulla vostra piattaforma siano autentiche?

Come sito di viaggi più visitato al mondo siamo davvero molto attenti a far sì che le recensioni e i contenuti presenti su TripAdvisor rappresentino una fonte di informazioni utile e fidata per coloro che vogliono organizzare un viaggio ovunque nel mondo.

Ogni singola recensione passa attraverso il nostro sistema di monitoraggio che ne mappa il come, cosa, dove e quando. Abbiamo poi un team composto da circa 300 specialisti dei contenuti i quali lavorano 7 giorni su 7, 24 ore su 24 per mantenere la qualità delle nostre recensioni. Conducono indagini su ogni singola recensione che viene segnalata dai nostri sistemi e su ogni segnalazione ricevuta dalla nostra community. Inoltre, conducono investigazioni proattive per identificare possibili frodatori utilizzando tecniche simili a quelle adottate nel settore bancario e delle carte di credito. A questo link può trovare un video che spiega nel dettaglio “Il viaggio di una recensione di TripAdvisor”.

Stiamo vincendo la nostra battaglia contro le frodi: i tentativi di frode su TripAdvisor sono veramente minimi rispetto alle dimensioni della nostra community. Siamo davvero molto attenti a far sì che le recensioni e i contenuti del sito siano realmente il riflesso accurato di ciò che i viaggiatori troveranno.

E infatti, secondo uno studio di PhoCusWright commissionato da TripAdvisor, il 93% degli utenti di TripAdvisor trova che le recensioni riflettono in maniera accurata l’esperienza di viaggio da loro vissuta. Il punto comunque è che se le persone non reputassero le recensioni di TripAdvisor utili e accurate, non continuerebbero a tornare sul nostro sito.

Sono stati individuati alcuni casi di compravendita di recensioni. Online è possibile reperire annunci di “recensori professionisti” che a, fronte di un corrispettivo, offrono pacchetti di opinioni positive postati online su TripAdvisor (e non solo). Si tratta di recensioni chiaramente non autentiche, cosa fate per arginare questa pratica scorretta?

Sappiamo che i business dell’ospitalità a volte vengono contattati da individui o aziende che dichiarano falsamente di poter manipolare le classifiche di TripAdvisor postando recensioni positive o rimuovendo recensioni negative. Queste aziende adottano delle pratiche estremamente contrarie all’etica, spesso illegali e completamente opposte a tutto ciò che rappresenta TripAdvisor. È fondamentale sottolineare che TripAdvisor non ha nulla a che fare con queste aziende o individui e che contrastiamo con fermezza chiunque provi a manipolare in maniera fraudolenta il nostro sito. Il nostro team di investigazione agisce proattivamente e in maniera estremamente efficace nell’individuare coloro che tentano di aggirare il sistema. Dal 2015 a oggi abbiamo fatto cessare l’attività di oltre 75 aziende di recensioni a pagamento nel mondo e adottiamo misure severe per penalizzare i business sorpresi a utilizzare tali servizi per ingannare i consumatori.

Prendiamo veramente sul serio tutto questo e vogliamo affrontarlo in collaborazione con l’intero settore, che sappiamo condivide con noi il desiderio di mantenere le stesse condizioni per tutti gli operatori potendo così competere sullo stesso piano. Per questo motivo abbiamo stretto partnership positive con alcune delle principali associazioni di categoria come FIPE e Confindustria Alberghi da diversi anni.

In questo contesto è importante sottolineare quanto accaduto lo scorso anno in Italia dove, in uno dei primi casi legali nel suo genere, il Tribunale Penale di Lecce ha stabilito che scrivere recensioni false utilizzando un’identità falsa è un crimine secondo la legge italiana. Il proprietario di un’azienda che vendeva pacchetti di recensioni false ai business dell’ospitalità in Italia è stato condannato a 9 mesi di prigione e al pagamento di circa 8.000 euro per spese e danni.

Le truffe su recensioni a pagamento – aziende o individui che “vendono” recensioni false a proprietari di business – sono una violazione della legge in numerose giurisdizioni ma questo è uno dei primi casi di esecuzione di una sentenza che ha portato a una condanna penale.

TripAdvisor ha supportato il procedimento contro questo individuo costituendosi parte civile e ha condiviso le prove raccolte dal suo team interno di investigazione frodi e fornito il supporto dei suoi consulenti legali italiani. Le truffe legate alle recensioni sono prese estremamente sul serio da TripAdvisor, che impiega tecnologie avanzate di tracciamento e un team dedicato di investigatori per individuare aziende di recensioni a pagamento e impedire loro di operare sul sito. Ulteriori informazioni sulle indagini interne di TripAdvisor relative a questa azienda che vendeva recensioni false possono essere consultate a questo link.

La community di viaggio globale è un alleato fondamentale nella lotta contro le truffe sulle recensioni a pagamento e le prove condivise dai proprietari di strutture contattati da queste aziende di recensioni a pagamento sono di particolare valore. Chiunque venga approcciato o contattato da aziende o individui che offrono false recensioni non deve instaurare nessun rapporto con loro ma condividere invece le informazioni direttamente con TripAdvisor scrivendo a paidreviews@tripadvisor.com. Tutte le segnalazioni inviate al nostro team di Integrità dei Contenuti saranno investigate e ogni singola informazione, non importa quanto piccola sia, può aiutare.

TripAdvisor ha recentemente lanciato una nuova risorsa online di informazioni dove scoprire di più su come l’azienda modera le recensioni e protegge i suoi contenuti. Nuovi articoli verranno aggiunti regolarmente per coprire diversi argomenti, ad esempio, come TripAdvisor modera le recensioni o determina se una recensione non è imparziale. Il sito inoltre contiene una serie di articoli sul “dietro le quinte” che spiegano il lavoro fondamentale dei nostri investigatori di truffe sulle recensioni, con l’aggiunta regolare di nuove case-study di indagini.

Dal gruppo “Gufo? No, grazie!” ci segnalano casi di recensioni in cui gli utenti attribuiscono, ad esempio, un solo pallino alla struttura recensita – penalizzandola, quindi, in termini di classifica – affermando di non avervi mai messo piede…

Innanzitutto, ogni volta che un utente scrive una recensione deve selezionare una casella (immagine sotto) per certificare che la recensione faccia seguito a un’esperienza diretta e reale e che rispetti le normative sui consumatori (più info su cosa si intende per esperienza diretta sono disponibili a questo link).

Ci sono poi i casi in cui i recensori postano un’opinione su una struttura senza averla effettivamente sperimentata in tutti i suoi aspetti ma solo in alcuni, come ad esempio a seguito solo di un contatto con essa: TripAdvisor infatti permette di condividere un’esperienza di prenotazione o di richiesta informazioni con gli altri utenti. Tuttavia, in questi casi, non si accettano valutazioni o commenti su aspetti di una struttura che non sono stati provati direttamente. Ad esempio, sono accettate recensioni relative a esperienze con la reception di un hotel anche se si è scelto di non pernottare, ma non è possibile valutarne o commentare la qualità del sonno.

Non è possibile immaginare una procedura di verifica più efficace? Ad esempio, se gli utenti fornissero una ricevuta fiscale come prova della loro presenza in una struttura, la verifica potrebbe basarsi su un elemento oggettivo. Non è una strada praticabile?

Se esistesse una soluzione migliore la avremmo già adottata da tempo. Abbiamo preso in considerazione tutte le opzioni di verifica esistenti e abbiamo scelto di utilizzare il nostro metodo attuale per una semplice ragione: il volume di opinioni fornisce la copertura più approfondita delle esperienze dei consumatori. È come nei sondaggi: più ampio è il campione rappresentativo, migliori sono i risultati. Abbiamo tantissime recensioni su TripAdvisor, alcune legate a transazioni altre no. Questo perché crediamo che ogni esperienza conti, non solo quella di chi paga il conto. Se per esempio quattro amici escono a cena avranno quattro opinioni diverse ma secondo un sistema di verifica solo la persona in possesso della ricevuta potrebbe lasciare una recensione. E pensiamo che questo non sia giusto: se chiedessimo alle persone di fornire la ricevuta, tantissime altre persone che hanno avuto un’esperienza autentica come clienti non avrebbero voce e questo va contro tutto ciò in cui crediamo. 

Inoltre, richiedere la ricevuta per poter scrivere una recensione non impedirebbe i tentativi di frode che rientrano nella tipologia più comune, cosiddetta ‘propertyboosting’, da noi definita come ‘tentativi individuali od opportunistici di postare recensioni positive su una struttura presente sul sito’. Infatti, nessuno ha accesso alle ricevute più dello stesso proprietario/gestore di un business. 

Un altro problema che ci viene segnalato è quello dell’anonimato: i recensori possono registrarsi con un nickname. Risulta complicato, senza avere dati personali a disposizione, verificare che davvero abbiano consumato un pasto in un ristorante o abbiano soggiornato in una struttura alberghiera.

Riteniamo sia importante rispettare il diritto alla privacy dei nostri membri. L’utilizzo di uno username online è un principio riconosciuto in questo ambito, impiegato da molti social network e noi non facciamo eccezione. Tuttavia, su TripAdvisor i visitatori possono vedere le informazioni di qualunque recensore: dove è basato, quante recensioni ha scritto, quali luoghi ha visitato, quanti voti utili ha ricevuto dalla nostra community e spesso la foto stessa del recensore.

E con numerose recensioni attualmente postate da membri che hanno effettuato il log-in a TripAdvisor attraverso il loro account Facebook, gli utenti possono anche vedere le recensioni dei loro amici e degli amici degli amici.

Com’è possibile che su TripAdvisor siano stati creati profili di locali del tutto inesistenti e che siano stati recensiti senza che il sistema li rimuovesse in tempi rapidi?

Dato che postare recensioni relative a un business inesistente non giova a nessuno, questa pratica non ha nulla in comune con i reali schemi di frodi legate alle recensioni. La maggior parte di coloro che commettono frodi è interessata a cercare di postare recensioni false su business attivi e sono quindi queste le pratiche su cui si focalizzano i nostri sistemi e il nostro team dei contenuti.

Riconoscere le differenze tra recensioni reali di consumatori e recensioni false su una struttura è uno dei modi tramite cui identifichiamo le frodi. Se una struttura non esiste questi schemi di recensioni sono chiaramente diversi dai normali modelli di attività.

Il fatto che alcune persone abbiamo scorrettamente postato contenuti fasulli per cercare di coglierci in fallo non solo rappresenta un esperimento privo di senso e una violazione dei nostri termini di servizio e potenzialmente della legge, ma costituisce anche una pratica immorale che potrebbe impattare negativamente sui consumatori in cerca di una struttura.

I profili delle strutture non vengono creati soltanto dai proprietari. Il primo che recensisce una struttura, di fatto, può crearne il profilo; il proprietario non ha la possibilità di agire per primo, quindi non ha diritto di scegliere se essere recensito oppure no. Perché non è possibile uscire dal meccanismo? Perché non ne consentite l’uscita?

Comprendiamo che alcune strutture potrebbero voler essere rimosse dal sito per una serie di ragioni. Tuttavia, la nostra missione è di fornire ai viaggiatori una fotografia accurata e utile di hotel, ristoranti e attrazioni attualmente operativi.  Per questo motivo non rimuoviamo le imprese legate ai viaggi che sono aperte e attive. Inoltre, poiché hotel, ristoranti e attrazioni sono esercizi pubblici, è verosimile che abbiano anche una presenza pubblica sul web. Così come si può raccontare di persona un’esperienza ad amici e famigliari crediamo nel diritto delle persone di condividere online quelle stesse opinioni.

Quale vantaggio dovrebbe, dunque, trarre una struttura che si trova recensita su TripAdvisor? Cosa può fare per utilizzare a proprio favore le recensioni e il proprio profilo?

Il profilo su TripAdvisor rappresenta una straordinaria opportunità per le strutture. Con pochi interventi, il profilo della struttura su TripAdvisor può essere trasformato in un efficace strumento di marketing. Tutti i proprietari/gestori possono registrare gratuitamente la loro struttura su TripAdvisor e avere accesso al Centro Gestione della propria pagina sul sito. Il Centro Gestione è una sorta di “centro operazionale” dei proprietari/gestori per le loro attività su TripAdvisor che offre accesso a diversi strumenti e servizi gratuiti di TripAdvisor per aiutare le strutture a beneficiare della loro presenza su TripAdvisor. Oltre a utilizzare il feedback pubblicato nelle recensioni per migliorare la struttura e il servizio e aumentare la soddisfazione dei clienti, gli strumenti del centro gestione includono:

  • aggiornamento dei dettagli del business, caricamento di foto e video della struttura sul sito e aggiornamento dei servizi e caratteristiche offerti dalla proprietà
  • adesione agli alert di notifica così da ricevere una email ogni volta che una recensione sulla propria struttura viene postata
  • commento alle recensioni postate tramite lo strumento “Risposta della Direzione”
  • selezione di strumenti per aiutare i business a utilizzare a proprio vantaggio i contenuti delle recensioni, come ad esempio una app di Facebook che permette ai proprietari/gestori di condividere le proprie recensioni, punteggi e foto sulla propria pagina Facebook
  • Recensioni Rapide, servizio gratuito che permette ai proprietari/gestori di inviare email personalizzate ai propri clienti incoraggiandoli a scrivere una recensione sulla loro esperienza su TripAdvisor
  • Verifica delle attività della concorrenza
  • Segnalazioni dirette al servizio clienti incluse possibili estorsioni e recensioni inappropriate

TripAdvisor, inoltre, ha creato TripAdvisor Insights, una risorsa online completa ed esauriente per i professionisti dell’ospitalità e del turismo. Il portale online fornisce accesso alle ultime tendenze, studi, novità, video e alle migliori pratiche di settore. È una sorta di emporio per i proprietari/gestori di strutture che desiderano saperne di più su come lavorare con TripAdvisor e beneficiare al meglio del sito, oltre a fornire notizie aggiornate del settore.

Quanto conosci l’ecologia?

Gio, 06/06/2019 - 21:30

Il condizionamento dell’ambiente da parte dell’attività umana sta creando sempre più stravolgimenti nei cicli naturali. L’ecologia è la scienza che si prende carico di studiare le interazioni tra i vari organismi e oggi più che in passato può fornire dati importantissimi. Tu quanto conosci l’ecologia?

Prova a scoprirlo con questo quiz e corolla di essere al corrente su cosa sta accadendo sul nostro pianeta: riscaldamento globaleinquinamento, condizionamento ambientale e dei cicli vitali. Una volta completato il seguente non sarà finita qui, perché altri quiz scientifici ti aspetto!

Clicca QUI per continuare con il quiz

[Fonte: THEDIFFERENTGROUP.COM]

Alto Adriatico, dal mare recuperate 14 tonnellate di rifiuti in 10 mesi

Gio, 06/06/2019 - 18:45

Il progetto di ISPRA e marineria di Chioggia (VE) coinvolge imbarcazioni e pescatori, che separano il rifiuti dal pescato e li conferiscono a terra.

Sono oltre 14 le tonnellate di rifiuti raccolte nell’Alto Adriatico in soli 10 mesi da 6 barche della marineria di Chioggia, in provincia di Venezia, con l’iniziativa Fishing For Litter. L’azione fa parte del progetto ML-REPAIR (REducing and Preventing, an integrated Approach to Marine Litter Management in the Adriatic Sea). Di queste 14 tonnellate, un campione di più di una tonnellata è stato analizzato dai ricercatori dell’ISPRA, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale per determinare tipologia, materiale e possibili fonti degli oggetti trovati, per un totale di più di 7000 oggetti.

Il “pescato”, se così si può definire, è soprattutto plastica, che rappresenta da sola il 66% in peso dei rifiuti analizzati, seguita da materiale misto (16%), gomma (10%), tessile (5%) e metallo (3%), mentre carta, legno lavorato e vetro non rappresentano insieme neanche l’1% del totale.

Si tratta principalmente di oggetti di uso comune, molti dei quali usa e getta, come bottiglie, buste di plastica, lattine e imballaggi alimentari. Una discreta percentuale, il 28%, è riconducibile ad attività di mitilicoltura, con le retine utilizzate per l’allevamento delle cozze. A incidere anche la pesca commerciale: il 22% in peso dei rifiuti è fatto di pezzi di rete e strutture in gomma utilizzate per proteggere la parte di rete a contatto con il fondo. Il 16% è costituito da oggetti riconducibili ad attività legate al mare e alla navigazione, come ad esempio cime, cavi, parabordi, boe e galleggianti. In misura minore gli strumenti legati alla piccola pesca, come le reti da posta, le nasse e trappole, che costituiscono lo 0,5% del totale analizzato.

Continua a leggere su RINNOVABILI.IT

India, milioni di alberi piantati in 12 ore per salvare il pianeta

Gio, 06/06/2019 - 15:30

Alberi. Più di 1 milione e mezzo di volontari coinvolti piantano 6 milioni di alberi in appena 12 ore, una maratona ambientale che ha battuto tutti i record.  Sono state scelte appositamente 24 zone attorno al fiume per aumentare le loro chance di sopravvivenza.

Circa 1 milione e mezzo di persone sono state coinvolte l’anno scorso in un’enorme campagna di rinfoltimento delle foresta attorno al fiume Narmada, nello stato di Madhya Pradesh.

L’India ha accettato con l’accordo di Parigi di aggiungere almeno cinque milioni di ettari alle sue foreste entro il 2030, nell’ambito di una campagna globale per la lotta ai cambiamenti climatici. E come l’India tanti altri Paesi dovrebbero seguire il suo esempio, promuovere iniziative per ridurre le emissioni di carbonio che possano sensibilizzare e coinvolgere tutti al fine di contribuire alla tutela del nostro pianeta e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

Una storia simile anche dal Brasile: Marito e moglie ripiantano 2 milioni di alberi e in 20 anni ridanno vita all’ecosistema di una foresta

Continua a leggere su TELEAMBIENTE.IT

Antibiotico-resistenza: scoperto punto debole del batterio Pseudomonas aeruginosa

Gio, 06/06/2019 - 15:00

Un passo avanti nella lotta contro l’antibiotico-resistenza: è stato individuato uno dei meccanismi di resistenza agli antibiotici del batterio Pseudomonas aeruginosa, patogeno responsabile della maggior parte delle infezioni ospedaliere che può infettare diversi organi ed è difficile da debellare proprio perché fortemente resistente agli antibiotici (multi drug resistance).

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è stato condotto dai Dipartimenti di Microbiologia dell’Università di Washington e dell’Università dell’Ohio in collaborazione con l’Istituto di cristallografia del Consiglio nazionale delle ricerche di Basovizza (Trieste) e ha portato alla scoperta del ruolo funzionale di una proteina che causa la persistenza delle infezioni: un risultato che apre la strada a nuove soluzioni di cura.

Cannule e cateteri aumentano il rischio di infezione

Questo batterio è la causa più comune di infezioni ospedaliere. Colpisce in particolare persone ospedalizzate ricoverate da più di una settimana con difese immunitarie o barriere fisiche (pelle o mucose) compromesse: “Pseudomonas aeruginosa può infettare sangue, pelle, ossa, orecchie, occhi, tratto urinario, valvole cardiache e polmoni, oltre alle ferite (come ustioni, lesioni o ferite da intervento chirurgico). L’utilizzo di dispositivi medici, come i cateteri inseriti in vescica o in vena, cannule per intubazione e ventilatori meccanici, aumenta il rischio di infezioni”, spiega Doriano Lamba, ricercatore dell’Istituto di cristallografia del Cnr, uno degli autori dello studio. Può inoltre comportare sepsi mortali in soggetti con gravi forme tumorali (leucemia) o immunodepressi (AIDS, soggetti trapiantati).

Emergenza mondiale

Le infezioni resistenti agli antibiotici e quindi non curabili rappresentano un’emergenza mondiale (guarda il video). Il nostro Paese, in particolare, fa registrare il primato a livello europeo per numero di morti: ogni anno in Ue muoiono per antibiotico-resistenza circa 33 mila persone, di cui quasi 11 mila solo nel nostro Paese.

Il biofilm protettivo

“Mediante un meccanismo di comunicazione chimica Pseudomonas aeruginosa è in grado di produrre aggregati multicellulari (biofilm) grazie ai quali acquista vantaggi biologici come la resistenza agli antibiotici”, spiega Lamba. Il team di ricercatori per la prima volta ha evidenziato il ruolo di una proteina, LecB, nella formazione e nell’organizzazione strutturale del biofilm del batterio e nella persistenza delle infezioni croniche polmonari. “È stata accertata la specificità dell’interazione di LecB con il polisaccaride extracellulare Psl che agisce da collante molecolare. Il complesso LecB-Psl è responsabile della formazione e dell’organizzazione del caratteristico biofilm, oltre che della regolazione dei fenomeni di adesione del batterio alla cellula ospite e della resistenza del batterio alla terapia antibiotica tradizionale”.

Nuove soluzioni di cura

Questo studio, conclude lo studioso del Cnr, “potrebbe spianare la strada al disegno e allo sviluppo di specifiche molecole dette ‘glicomimetici’, con potenziale impiego terapeutico nelle infezioni croniche, mirate all’inibizione selettiva dell’interazione LecB-Psl e alla conseguente disgregazione del biofilm”.

Troppi satelliti in cielo, gli astronomi lanciano l’allarme

Gio, 06/06/2019 - 13:28

Fino a quest’anno, si legge in un comunicato dell’IAU, il numero dei satelliti in orbita bassa era inferiore ai 200 ma ora sta crescendo rapidamente, con progetti che mirano a lanciare decine di migliaia di dispositivi entro i prossimi anni

L’Unione Astronomica Internazionale (IAU) esprime preoccupazione per la crescente quantità di satelliti che orbitano attorno alla Terra, nella cosiddetta orbita bassa. Fino a quest’anno, si legge in un comunicato, il numero di questi satelliti era inferiore ai 200 ma ora sta crescendo rapidamente, con progetti che mirano a lanciare decine di migliaia di dispositivi orbitanti entro i prossimi pochi anni. L’organizzazione, che a tal proposito menziona in un Tweet molti dei soggetti coinvolti in progetti spaziali tra cui Iridium, Amazon, Facebook, Oneweb, Globalstar e Elon Musk con il suo progetto Starlink, sostiene il principio generale secondo cui un cielo “buio e silenzioso”, libero cioè da inquinamento luminoso ed elettromagnetico, non solo è fondamentale per lo studio e la comprensione dell’Universo, ma rappresenta anche una risorsa per l’umanità e per la protezione delle specie animali notturne.  

CONTINUA SU RAINEWS.IT

‘My Sharona’ dei Knack, 40 anni fa la hit scritta per conquistare una ragazza

Gio, 06/06/2019 - 12:20

Usciva il 18 giugno 1979 il brano elettrico e divertente, una canzone pop con un riff imbattibile. In realtà tutto era iniziato grazie alla voce della band, Doug Fieger, e a un amore non corrisposto: quello per la giovanissima Sharona Alperin.

Ci sono band che hanno una storia lunga, artisti che scrivono centinaia di canzoni memorabili, e chi, con una straordinaria fiammata, scrive una sola, leggendaria, canzone. Ed è questo il caso dei Knack, che hanno scritto e interpretato My Sharona, quarant’anni fa, e per questo meritano uno spazio nella storia del rock. E di certo hanno già uno spazio nella memoria collettiva con un brano che non è mai andato fuori moda, un singolo perfetto, con un riff insuperabile e un ritmo che ti spinge a battere il piede senza sosta.

La canzone è stata croce e delizia per la band, ha reso i Knack sostanzialmente immortali ma ha cancellato allo stesso tempo tutto il resto che la band ha fatto, trasformandoli in una formazione ampiamente sottovalutata. Doug Fieger, il cantante, fondatore e leader del gruppo, era un autore dotato di un buonissimo talento e il resto della band era composto da musicisti di tutto rispetto, come Berton Averre, Prescott Niles e Bruce Gary. Si erano messi insieme a Los Angeles, nel 1977, dopo che Fieger, nativo di Detroit, aveva posto fine alla sua band precedente, The Sky, e aveva deciso di restare nella Città degli Angeli assieme alla fidanzata Judy Halpert. Fu tramite Judy che Fieger, venticinquenne, conobbe Sharona Alperin, una diciassettenne che lavorava in un negozio di abbigliamento in Beverly Grove. Sharona diventò una fan della band, iniziò a seguire tutti i concerti e Fieger si innamorò di lei, otto anni più giovane. Amore non corriposto, inizialmente, e di questo parla la canzone, nata da un riff scritto qualche tempo prima da Berton Averre. Fieger aveva il riff di Averre in testa, ma fu quando collegò la sua ossessione per Sharona Alperin a quelle poche note che la canzone prese forma, in meno di 45 minuti. “La provammo al volo nel suo appartamento”, raccontò Averre qualche tempo dopo, “e nella stanza accanto c’era la fidanzata di Doug. Fu piuttosto imbarazzante”.

Continua a leggere su REPUBBLICA.IT

Emicrania, arriva la app per gestire il dolore e rilassarsi

Gio, 06/06/2019 - 10:28

Un’applicazione per smartphone potrebbe aiutare chi soffre di emicrania a stare meglio. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista npj Digital Medicine dagli  scienziati della NYU Langone Health e dell’Albert Einstein College of Medicine di New York (Usa), secondo cui l’utilizzo dell’app per almeno due volte a settimana potrebbe ridurre la frequenza con cui si viene colpiti dal mal di testa di circa quattro giorni al mese.

I ricercatori hanno sviluppato un’applicazione chiamata RELAXaHEAD che aiuta  i pazienti ad attuare la tecnica del “rilassamento muscolare progressivo”, una forma di terapia comportamentale che prevede di contrarre e poi rilassare i diversi gruppi muscolari, allo scopo di ridurre lo stress. Per verificarne l’efficacia, gli autori hanno chiesto a 51 pazienti dell’età media di 39 anni affetti da emicrania, di utilizzare l’app per 90 giorni e di scrivere ogni giorno la frequenza e la gravità con cui si presentava il mal di testa. L’applicazione registrava, invece, quanto spesso e per quanto tempo i volontari praticassero gli esercizi di rilassamento muscolare progressivo.

I partecipanti hanno sofferto di emicrania, in media, 13 giorni al mese (da 4 e 31). Inoltre, il 39% ha sperimentato ansia, mentre il 30% depressione. All’inizio dell’esperimento l’uso di RELAXaHEAD da parte dei volontari era elevato, ma è scesoal 51% dopo sei settimane e al 29% dopo tre mesi. Gli autori, che sospettavano la possibile riduzione graduale dell’utilizzo dell’app, hanno in programma d’individuare strategie per incrementarne l’impiego e per fare in modo che diventi parte delle loro pratiche cliniche.

Al termine della sperimentazione, è emerso che l’uso di RELAXaHEAD era associato a una riduzione degli episodi di emicrania. Chi l’aveva utilizzata per almeno due volte a settimana soffriva di mal di testa, in media, quattro giorni di meno al mese. Secondo gli autori, i risultati dimostrano che l’applicazione potrebbe essere impiegata, sotto la supervisione del medico, insieme alle terapie standard per migliorare la qualità di vita dei pazienti.

“Il nostro studio fornisce la prova che i pazienti possono seguire una terapia comportamentale se è facilmente accessibile, se possono farlo nel loro tempo libero e se è conveniente – spiega Mia T. Minen, che ha diretto la ricerca -. I medici dovrebbero riconsiderare il loro approccio terapeutico all’emicrania perché molte delle terapie attuali, pur essendo le migliori a disposizione, non sono adatte a tutti gli stili di vita”.

CONTINUA SU ILSOLE24ORE.COM

Trump fa davvero marcia indietro sul cambiamento climatico?

Gio, 06/06/2019 - 10:25

LA PRIMA VOLTA DI TRUMP: «CREDO VI SIA UN CAMBIAMENTO CLIMATICO» Colloquio con il principe Carlo sull’ambiente: «Lui vuole assicurarsi che le prossime generazioni abbiano un clima buono, il contrario di un disastro. E io sono d’accordo»

Donald Trump crede nei cambiamenti climatici. O meglio, così dice. “Credo che vi sia un cambiamento nel clima e ritengo che cambi nelle due direzioni“, ha affermato, intervenendo a Good Morning Britain su Itv. Citando il colloquio sul clima avuto la vigilia con il principe Carlo, Trump ha spiegato: “Avremmo dovuto fare una chiacchierata di un quarto d’ora ed è durata un’ora e mezza.E lui ha parlato per la maggior parte del tempo”.

Il principe, ha aggiunto, è veramente preso dal tema del cambiamento climatico”. “Credo che sia una grande cosa”. “Vuole assicurarsi che le prossime generazioni abbiano un clima buono, il contrario di un disastro. E io sono d’accordo”. [Fonte: AVVENIRE.IT ]

Dalla politica alla cittadinanza per salvare il clima

  • IL GREEN NEW DEAL, UNA SPERANZA PER GLI USA E PER IL PIANETA. Una soluzione rivoluzionaria presentata dalla parlamentare più giovane della storia statunitense. Nei prossimi tempi è probabile che sentiremo parlare spesso di Alexandria Ocasio-Cortez e del Green New Deal, che i media statunitensi per brevità chiamano GND. E, come spesso succede, ciò che prima accade negli USA poi arriva in Europa. Alexandria è una politica statunitense trentenne. È stata eletta al Congresso statunitense nel 2018 diventando, a 29 anni, la più giovane parlamentare nella storia statunitense.

Ocasio-Cortez è nata nel Bronx, da padre nato anche lui nel Bronx e madre nata a Porto Rico. Ocasio-Cortez sin dai tempi del liceo si è distinta, vincendo un premio nella Intel International Science and Engineering Fair con un progetto di microbiologia; a seguito di questo riconoscimento, le è stato dedicato un asteroide, 23238 Ocasio-Cortez. […]

Ma ciò per cui sentiremo spesso parlare di Ocasio-Cortez è una sua risoluzione rivoluzionaria, il cosiddetto “Green New Deal” (GND), presentato da lei ufficialmente il 7 febbraio, volto a stimolare lo sviluppo dell‘economia verde e blu, la creazione di nuovi posti di lavoro e la riconversione dei lavoratori attualmente impiegati in settori non ecosostenibili. Il GND è rapidamente decollato, ottenendo numeri enormi nei sondaggi USA e “costringendo” i parlamentari democratici, anche a quelli vicini alle lobby del carbone, a dirsi almeno formalmente d’accordo.

Il GND descrive in dettaglio la catastrofe climatica in arrivo, dall’esposizione di 350 milioni di persone a un aumento dello stress da calore alla perdita di quasi tutte le barriere coralline del mondo. Richiede di mantenere l’innalzamento della temperatura a 1,5 ° C – lo standard approvato dal rapporto dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) di ottobre – e di arrivare a zero emissioni globali nette entro il 2050.

Riconosce che gli Stati Uniti sono responsabili di una quantità sproporzionata di emissioni e chiede agli Stati Uniti di essere un leader mondiale nell’azione per il clima oltre che il produttore numero uno della tecnologia verde: soddisfare le richieste di energia con energia rinnovabile e a emissioni zero. Continua a leggere [PEOPLEFORPLANET.IT – Bruno Patierno]

  • CONOSCETE LA TRUMP FOREST? Where ignorance grows treesPer contrastare la posizione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump nei confronti dei cambiamenti climatici è nato dalla Nuova Zelanda il movimento “Trump Forest”.
Trump Forest

L’idea, nata nella mente di Daniel Price, Adrien Taylor e Jeff Willis, è di creare una nuova foresta globale, dedicata a Donald Trump, piantando nuovi alberi in tutto il mondo. Si può contribuire con una donazione in denaro che verrà poi trasformata in un albero, o direttamente piantando alberi e segnalandoli sulla piattaforma web https://trumpforest.com/.

Fino ad oggi sono stati messi a terra oltre un milione e centomila alberi. [Fonte: PEOPLEFORPLANET.IT]

  • CAMBIAMENTI CLIMATICI, RESTANO MENO DI 20 ANNI PER SALVARE IL PIANETA. Effetti devastanti sulla salute. L’Istituto superiore di sanità avverte: saranno milioni i morti.

Vent’anni. Sicuramente non di più. Molto probabilmente meno. E’ questo il tempo che l’uomo ha a disposizione per salvare il pianeta dai cambiamenti climatici e dagli effetti che questi avranno sulla salute delle persone e dell’ambiente. L’allarme è stato lanciato dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Walter Ricciardi: “E’ questo il tempo che ci rimane per mettere in atto misure concrete. Fra 20 anni potrebbe già essere troppo tardi. Già oggi le morti in Europa legate ai cambiamenti climatici sono migliaia l’anno, ma saranno milioni nel prossimo futuro se non si agisce subito”.

Un olocausto a fuoco lento. Il pericolo concreto, spiega il presidente dell’ISS, è che le ondate di calore che nel 2003 hanno fatto 70 mila morti possano passare dal manifestarsi in periodi circoscritti dell’anno all’essere presenti in alcune parti del mondo per oltre 200 giorni l’anno, impedendo alle popolazioni di stare all’aria aperta per gran parte dei dodici mesi a causa dell’aumento delle temperature. Il problema è che i danni sulla salute dai cambiamenti climatici non sono visibili all’istante, e quindi non è facile sensibilizzare istituzioni e cittadini, ma sono devastanti. “L’Organizzazione mondiale della sanità parla di vari milioni di morti legate ai cambiamenti climatici e in Italia ben il 12% dei ricoveri pediatrici in ospedale sono connessi all’inquinamento. Si tratta, in un certo senso, di un olocausto a fuoco lento”, afferma Ricciardi. Continua a leggere [PEOPLEFORPLANET.IT – Miriam Cesta]

In Cina un villaggio di pescatori abbandonato è inghiottito dalla natura

Gio, 06/06/2019 - 08:00

Shengsi, un arcipelago di circa 400 isole alla foce del fiume Yangtze in Cina, è in possesso di un segreto avvolto nel tempo: un villaggio di pescatori abbandonato che viene restituito alla natura. [Continua a leggere su KEBLOG.IT] Fonte: Rivelazioni.com

E lo sapete che esistono luoghi remoti, abitati e non, dove dall’esterno è difficile entrare? Ecco la classifica degli 11 luoghi più isolati del mondo!

Barefoot: non siate timidi, camminare scalzi fa bene alla salute!

Gio, 06/06/2019 - 05:55

Chiamiamolo “barefoot”, chiamiamolo “gimnopodismo” se preferiamo un termine italiano, oppure non chiamiamolo affatto: ci sono individui in tutto il mondo che, ad un certo punto della vita, decidono di sbarazzarsi delle scarpe e, per brevi periodi del giorno o per intere giornate, camminano scalzi.

Tutto qui. Non si tratta di un vero e proprio movimento, non esistono vere regole se non quelle dettate dal buon senso e dal desiderio ancestrale di ritornare a contatto con la natura nell’ottica di trarre anche benefici per la salute.

I primi scalzisti

Pare che il barefooting sia nato in Nuova Zelanda e si sia poi diffuso negli Usa, per approdare quindi in Europa. In questo senso, si configura più come una moda, un’abitudine che conferisce originalità e attira sguardi. Camminare scarsi è sovversivo. Non a caso, molti artisti, cantanti e attori spesso decidono di salire sul palco o percorrere scalzi i red carpet.

Allo stesso modo, anche le persone comuni che camminano scalze per le vie cittadine vanno controcorrente, non c’è dubbio. Altrettanto chiaro è il motivo per cui una persona scalza attira su di sé tutti gli sguardi: trasgredisce regole comuni (ma precisiamo che non si tratta di una pratica illegale, ovviamente!).

Proprio gli sguardi e l’essere fuori dal comune genera un certo timore in chi decide per la prima volta di osare, di togliersi le scarpe e tentare questo nuovo tipo di interazione con il mondo esterno. La vergogna è un’emozione umana e naturale, per avviarsi a questa pratica è necessario sopirla progressivamente. I canoni della società, frutto di secoli di radicamento, prevalgono su molti scalzisti potenziali, ma il trucco per vincere la paura può essere quello di avvicinarsi progressivamente alla meta: per i più timidi esistono dei sandali ad hoc (strisce di cuoio senza suola), che danno agli altri l’impressione di indossare calzature vere e proprie, ma allo stesso tempo consentono all’individuo di sentirsi scalzo e di praticare il barefooting al riparo da occhiate indiscrete.

Le etichette sociali sono spesso un ostacolo enorme: ai barefooters è stata persino affibbiata quella di feticisti. A noi piace di più definirli bonariamente “stravaganti”, anche perché, una volta approfonditi i motivi alla base della loro scelta, ci sembra tutto piuttosto comprensibile e interessante.

Camminare scalzi fa bene alla salute

Su molti siti Web e gruppi che parlano dell’argomento ricorre una situazione tipo: immaginiamo di rientrare a casa, stanchi dopo una giornata intensa, e focalizziamoci sulla sensazione che proviamo nel preciso istante in cui ci togliamo le scarpe. Ecco, quello è uno dei motivi che potrebbe farci prendere in considerazione provare il barefooting. Oppure possiamo immaginare la sensazione che proviamo quando al mare passeggiamo sulla sabbia, o quando appoggiamo i piedi sull’erba del giardino. È piacevole, nessuno direbbe il contrario. Ma questo non basta a convincerci: uscire di casa senza scarpe è tutta un’altra storia!

Più convincenti sono sicuramente le spiegazioni che riguardano la sfera della salute. Le scarpe tolgono sensibilità ai nostri piedi e, pur essendo progettate e modellate per adattarsi non solo alla nostra forma ma anche ai nostri movimenti e all’equilibrio generale del corpo, ci portano a modificare la nostra postura. Tendono, in particolare, a spostare il nostro baricentro in avanti, con una conseguente modifica della distribuzione del peso sulla muscolatura del piede; siamo soprattutto noi, insomma, ad adattarci a qualcosa di non naturale e non viceversa. Camminare scalzi, al contrario, sollecita la muscolatura in modo naturale, ci permette di distribuire il peso in maniera corretta, consente una migliore circolazione sanguigna e favorisce la traspirazione.

E con l’estetica come la mettiamo? Tutti potremmo pensare che se camminassimo per ore scalzi per la città, sui marciapiedi ruvidi ad esempio, a lungo andare le nostre piante diventerebbero dure e callose. Non è così. Secondo quanto dicono gli esperti (o meglio, i camminatori scalzi convinti), il rischio è soltanto quello di provocarci qualche vescica per colpa della troppa impazienza di iniziare e di percorrere lunghi tragitti da un momento all’altro. Come per tutto, ci vuole allenamento. E non dimentichiamo un vantaggio importante: camminare scalzi fa bene all’umore e allevia lo stress.

Regole generali per diventare scalzisti: rischi e igiene

La prima regola, come dicevamo, è il buon senso. Un sentiero costellato di ciottoli acuminati non è certo il luogo ideale per prendere confidenza con questa pratica. Ma i marciapiedi attorno a casa possono rivelarsi un terreno ideale per cominciare, riassaporando il contatto con il suolo per brevi periodi di tempo.

Anche quando camminiamo con normali calzature ai piedi possiamo inciampare su buche e asperità del terreno, per lo stesso motivo se togliamo le scarpe dobbiamo fare attenzione. In questo senso, indossare scarpe o non indossarle non fa la differenza. I rischi potenziali che corre un barefooter sono facilmente intuibili: tagli e infezioni, ustioni o conseguenze del congelamento. È tutto evitabile con un po’ di attenzione e ponendosi in ascolto del proprio corpo. Giorno dopo giorno, l’esperienza arriverà in soccorso: gli scalzisti di vecchia data sanno riconoscere in tempo i pericoli e li aggirano. Non servono raccomandazioni per sapere che camminare su una spiaggia sotto il sole cocente non è l’ideale, la stessa regola vale a maggior ragione per chi ha desiderio di non inforcare ciabatte o infradito seguendo una scelta di vita.

Stesso ragionamento quando nevica: sappiamo che il ghiaccio è freddo, non occorre un test, e sappiamo anche che è scivoloso. Alcuni barefooters ormai si spingono oltre i propri limiti e spesso li superano, molte immagini mostrano persone che camminano scalze su percorsi che ci sembrano inaccessibili persino con le scarpe ai piedi. Con il tempo i piedi si abituano, diventano più spessi e ci si sente più sicuri di sé. I piedi degli scalzisti diventano via via più elastici, assolutamente non più callosi o esteticamente “brutti” di prima, al contrario di quanto si potrebbe immaginare.

Altro problema: quanto sporco si accumula sui piedi se usciamo senza scarpe? Molto, ovviamente, ma ciò non significa che sia un pericolo per la nostra salute. Se camminiamo in aree naturali sarà il fango o l’erba a sporcare i nostri piedi, ma in città? È utile sapere che il nero di cui i nostri piedi si tingeranno alla fine di una camminata sulle strade urbane deriva sì dalle emissioni prodotte dai veicoli, ma non è nocivo; non si tratta, per semplificare, delle polveri pericolosissime per la salute che riescono a penetrare fino ai nostri polmoni. I microbi in strada hanno vita breve, come spiegano dal Club dei Nati scalzi, a meno che non decidiamo di camminare nelle fogne… Insomma, una bella lavata e i nostri piedi torneranno come prima anche dopo aver percorso qualche chilometro in città.

L’alpinista scalzo

Alcune persone, appunto, sembrano nate per superare i propri limiti. C’è anche uno scalzista famoso tra loro, o “l’alpinista scalzo” come ormai è stato ribattezzato. Niente scarponi, nemmeno sul Kilimangiaro né sul monte Bianco, né durante la discesa dell’Etna con temperature al suolo attorno ai 600 gradi centigradi e nemmeno risalendo l’Aconcagua in Argentina a 7 mila metri e con 25 gradi sottozero. Antonio Peretti, o Tom Perry come tutti lo conoscono, è una leggenda. Anche il Dalai Lama e Papa Francesco hanno voluto incontrarlo. In tutto il mondo porta il suo messaggio di sostenibilità e lotta al degrado, all’inquinamento, ai rifiuti, e il suo invito a non sottovalutare le sfide – ambientali in primis – che il genere umano si trova di fronte per sopravvivere negli anni a venire.

50 buoni motivi per diventare scalzisti

The barefoot book – 50 great reasons to kick off your shoes è uno dei libri che potrebbero incoraggiare chi non osa fare il grande passo di togliersi le scarpe. Se non basta immaginare la sensazione dell’erba morbida sotto ai piedi, questo volume di Daniel Howell potrebbe essere d’aiuto. Nella descrizione che compare su Amazon, tra i buoni motivi citati vi sono le problematiche relative alla salute derivanti dalla nostra “addiction” (dipendenza, come fosse una droga) all’indossare calzature: funghi, batteri, ginocchia e schiena che gridano aiuto a causa della posizione scorretta che infliggiamo al nostro corpo per via delle scarpe. L’alternativa si chiama, appunto, barefoot. Per la maggior parte di noi nemmeno questo libro sarà convincente al punto da farci subito uscire di casa a fare un giro scalzi, ma sarà sicuramente una lettura interessante. Per il resto, se proprio uscire senza scarpe non rientra tra le nostre aspirazioni maggiori, possiamo comunque farlo al riparo delle mura domestiche. Il nostro corpo ne gioverà.

Immagine di copertina: Disegno di Armando Tondo

Le Ricette di Angela Labellarte: ovalini di patate con mandorle

Gio, 06/06/2019 - 05:22

Ingredienti per circa 20 pezzi

Patate 500 gr.
Parmigiano 1 cucchiaio (facoltativo)
Erbe aromatiche
Uova 2
Limone 1/2
Sale q.b.
Mandorle in scaglie 70 gr.
Pangrattato 50 gr.
Olio per friggere

Preparazione

Pelate le patate e tagliatele a pezzettoni. Cuocetele a vapore e schiacciatele con uno schiacciapatate.
Aggiungete alle patate le erbe aromatiche tritate, parmigiano, un uovo e un tuorlo, la buccia di mezzo limone e il sale.
Mescolate tutti gli ingredienti.
Formate dei piccoli ovetti con le mani e passateli prima nell’albume e poi nelle mandorle e pangrattato.
Friggeteli in olio bollente e asciugateli su carta assorbente.
Servite caldi con erbe aromatiche.

Foto di Angela Prati

Le cinque serie tv da vedere a giugno (torna Black Mirror)

Mer, 06/05/2019 - 21:20

Giugno pieno di novità: in primis la quinta stagione della serie “distopica” per eccellenza. Poi Chernobyl e Little Big Lies, chi avrà il coraggio di andare al mare? Sfogliando nell’offerta globale di serie tv (streaming, satellite, digitale terrestre) ecco una selezione dei titoli migliori da non farsi scappare.

  1. Black Mirror – Quinta stagione – 7 giugno

Sono solo tre puntate ma c’è anche Miley Cyrus, l’ex Hanna Montana, quella che adesso è super-sexy e fa le linguacce. Per i cultori della serie è l’evento dell’anno. Il trailer è meraviglia allo stato puro. Su Netflix

2) Big Little Lies – Seconda stagione – 17 giugno

L’anno scorso hanno vinto tutto e meritatamente. Tornano Reese Witherspoon, Nicole Kidman, Laura Dern con una novità di non poco conto, l’ingresso di Maryl Streep. Il cast che già prima era pazzesco diventa ora davvero stellare. Si riparte dalla morte di Perry (Alexander Skarsgård). I fantasmi a volte ritornano. Su Sky Atlantic

Continua a leggere su ILSOLE24ORE.COM

E per tutto l’anno… ecco le 5 serie tv e film per salvarsi l’anima!

Vuoi un visto per gli USA? Devi dichiarare i tuoi profili social

Mer, 06/05/2019 - 18:30

La novità era già stata annunciata più di un anno fa, ma ora è giunto il momento di metterla in pratica: d’ora innanzi chi vorrà richiedere un visto per gli Stati Uniti dovrà indicare anche i propri profili social e non lesinare sui dettagli.

Per quasi tutti i tipi di visto (sono esclusi quelli diplomatici e pochi altri), Dipartimento di Stato vorrà sapere i nomi utente usati sui social network, gli indirizzi email e i numeri di telefono, e adopererà queste informazioni per garantire che il controllo sul richiedente sia il più approfondito possibile.

Queste informazioni sono infatti ritenute importanti per «rafforzare il processo di controllo delle richieste e la conferma della loro identità», al fine di garantire «la sicurezza nazionale».

Continua a leggere su ZEUSNEWS.IT

Giornata Mondiale dell’Ambiente

Mer, 06/05/2019 - 16:44

Non c’è quindi uno Stato al mondo, secondo questo report, che adotti pienamente le strategie per combattere in modo efficace il riscaldamento globale. L’Italia è al 23esimo posto, mentre gli Stati Uniti precipitano alla 59esima posizione per le politiche di deregulation ambientale volute da Trump.

Chi annuncia lo stato di “emergenza climatica” e chi non crede ancora al cambiamento climatico. Chi punta tutto sulle rinnovabili e chi ha dichiarato guerra alla plastica monouso: nel mondo ogni Paese deve fare i conti con inquinamento, riscaldamento globale e conseguenze dei cambiamenti climatici. Per tenere alta l’attenzione, è stata istituita dalle Nazioni Unite la Giornata Mondiale dell’Ambiente, che si celebra oggi. Gli obiettivi dell’Unione Europea sono elencati nel quadro per il clima e l’energia 2030, che prevede una riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas serra entro 11 anni. Che poi i singoli Stati ci riescano, è tutto da vedere.

Gli sforzi concreti degli Stati nel contrastare il riscaldamento globale vengono valutati dal Climate Change Performance Index una classifica annuale che monitora le politiche ambientali di 57 paesi Paesi in base agli Accordi di Parigi, presentata al summit globale sul cambiamento climatico in Polonia (COP24). Quest’anno non sono stati assegnati i primi tre posti in graduatoria: non c’è quindi uno Stato al mondo, secondo questo report, che adotti pienamente le strategie per combattere in modo efficace il riscaldamento globale.

Continua a leggere su ILFATTOQUOTIDIANO.IT


Spagna, dona biscotti al dentifricio al mendicante: la condanna allo youtuber è esemplare

Mer, 06/05/2019 - 15:30

“Hai fame? Vuoi dei biscotti?”: così un giovane youtuber, in Spagna, nel 2015 ha offerto a un senzatetto una confezione di biscotti per realizzare un nuovo video per il suo canale: ma all’interno degli Oreo, al posto della classica crema bianca al latte, ha inserito del dentifricio.

Fonte: canale YouTube La Repubblica

Per questo “scherzo” è stato condannato adesso dal tribunale penale di Barcellona a 15 mesi di carcere, divieto di utilizzo di YouTube per almeno 5 anni e 20mila euro al mendicante come danni morali. [Continua a leggere su REPUBBLICA.IT ]

Si stima (anche se è un numero da considerarsi solo come ordine di grandezza) che 700 mila persone nell’Unione Europea non abbiano una casa e siano costrette a dormire per strada o in rifugi di emergenza, il 70% in più di 10 anni fa.

In Italia sono diverse le azioni di solidarietà da parte di Associazione e cittadini che, soprattutto nel periodo invernale, cercano di dare sollievo alle migliaia di persone che vivono senza fissa dimora. Esempi virtuosi sono quello di Napoli, dove sette amici di Somma Vesuviana hanno realizzato piccoli rifugi temporanei per proteggere i clochard dal freddo e l’esempio di Bologna, dove ha preso il via la buona azione di annodare una sciarpa a un albero per donarla ai senza tetto.

Per salvare Alitalia il governo vuole usare i soldi destinati alla lotta al cambiamento climatico

Mer, 06/05/2019 - 15:00

Nelle bollette di luce e gas si trova una voce che serve a finanziare la CSAE (Cassa dei servizi energetici ambientali) che vale quasi il 25% della bolletta e non è legata ai consumi: riguarda tra l’altro il finanziamento per la messa in sicurezza delle vecchie centrali nucleari e gli incentivi alle rinnovabili per garantire la transizione energetica verso gli obiettivi di riduzione della CO2 fissati dall’Europa, oltre che rappresentare un “polmone” per calmierare i prezzi nei periodi in cui i costi energetici salgono.
La CSAE ha oggi un “tesoretto” di 900 milioni di Euro e il Governo vorrebbe prelevare da questi subito 650 milioni da destinare, anziché ai compiti previsti, al salvataggio di Alitalia, inserendo nello stesso tempo un meccanismo che preveda che costantemente i cittadini finanzino Alitalia con una quota di ciò che pagano per la luce e il gas.
L’allarme arriva direttamente dall’Autorità per l’Energia, Reti e Ambiente che dichiara l’inopportunità di tale decisione.
Il tutto a fronte di perdite che in Alitalia restano nell’ordine dei 150-160 milioni di euro l’anno a livello operativo e di oltre 400 milioni a livello netto.
Secondo stime del Codacons ad oggi Alitalia è costata, tra salvataggi, prestiti e altri interventi pubblici, 8,6 miliardi di euro solo negli ultimi dieci anni, un conto pari a quasi 400 euro a famiglia.
Di recente è stato formalizzato da parte del Governo sia il rinvio a tempo indeterminato della restituzione dell’ultimo prestito ponte da 900 milioni (la scadenza era al 30 giugno), sia la trasformazione di una parte di questa quota in azioni della nuova Alitalia.
900 milioni “prestati” per l’ennesima volta dallo Stato (e verosimilmente destinati a non essere più restituiti) e già in larga parte spesi da Alitalia per coprire le perdite.
Nel frattempo si ipotizza l’ennesimo rinvio della scadenza (ultima data fissata: 15 giugno) entro cui si dovrebbe definire chi saranno i nuovi soci di Alitalia.

Fonti:
affariitaliani.it, consumerismo.it, finanzaonline.it, radio24.ilsole24ore.com, repubblica.it

Fonte immagine: foto di pkozmin da Pixabay