People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet People For Planet
Aggiornato: 1 ora 14 min fa

Cosa mettere sempre nello zaino da trekking

Mar, 07/21/2020 - 10:00

Quali sono gli elementi fondamentali da avere sempre nel nostro zaino? Dal canale YouTube Attila Adventure i consigli pratici ed utili nel caso in cui si decida di fare una passeggiata dietro casa, oppure nell’eventualità che si programmi un trekking di più giorni.

Un video tutorial che ci ricorda quali sono i sette elementi indispensabili da portare sempre con noi.

Fonte: Attila Adventure

Leggi anche:
Estate 2020: ecco quali sono le spiagge più belle e più pulite d’Italia
Vacanze italiane: la guida per viaggi in sicurezza a due passi da casa
La Top 10 delle città italiane con più vie pedonali

Covid-19, il vaccino di Oxford è efficace

Mar, 07/21/2020 - 09:00

Il vaccino contro Covid-19 sviluppato dall’Università di Oxford e dal gigante farmaceutico AstraZeneca genera una risposta immunitaria efficace. Emerge da un primo studio, condotto su circa 1.000 pazienti, pubblicati lunedì sulla rivista medica The Lancet.

Efficace ma con molti effetti collaterali

Il vaccino, al momento il più promettente tra quelli allo studio, ha causato anche effetti collaterali, tra cui febbre, mal di testa, dolori muscolari e reazioni nel sito di iniezione, in circa il 60% dei pazienti, ma tutti considerati lievi o moderati, e tutti risolti spontaneamente nel corso dello studio.

Il vaccino AZD1222 appare dunque relativamente sicuro – sebbene gli effetti collaterali siano stati maggiori rispetto a un vaccino contro la meningite, a cui è stato confrontato – ed efficace nel coinvolgere il sistema immunitario per combattere il virus. AstraZeneca ha affermato che, stando a questi risultati, è probabile che il prossimo passo sarà testare la somministrazione di due dosi di vaccino ai pazienti.

Cosa manca al traguardo

I risultati pubblicati su Lancet riguardano le fasi 1 e 2, che sono state accorpate: la prima consiste nelle verifiche su sicurezza e capacità di indurre risposta immunitaria, nella seconda vengono stabilite dosi e tempi di somministrazione. Resta da superare la fase 3, ovvero lo studio di efficacia su migliaia di persone a rischio di infezione. Solitamente la produzione di un nuovo vaccino richiede circa 8 anni, tra ideazione e immissione sul mercato: in questo caso le prospettive sono di 2 anni, grazie a un impegno che non ha precedenti.

Gli altri vaccini

Al momento sono 163 i vaccini allo studio, di cui 23 già in fase clinica (tra cui questo di Oxford e quello dell’azienda farmaceutica statunitense Moderna). Gli altri 140 sono a livello pre-clinico: ovvero vengono testati in laboratorio e su animali per valutarne le caratteristiche e decidere se procedere alle prove sull’uomo. Tutti i potenziali vaccini si basano su uno di questi quattro meccanismi: vettori virali e Vlp (virus-like-particles); proteine ricombinanti; acidi nucleici (Dna e Rna, è il caso di Moderna); virus inattivati o attenuati.

Leggi anche:

Covid-19, il Lazio è la nuova Lombardia?

Covid-19, in Puglia “Start” assegna 2mila euro in più

Le pale eoliche più strane del mondo

Mar, 07/21/2020 - 08:30

Per visualizzare le descrizioni clicca sulle immagini

Recovery Fund, all’alba l’accordo. Italia protagonista

Mar, 07/21/2020 - 07:40

“Deal!”, ha scritto veloce su Twitter il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, all’alba di oggi. E poco dopo ha dichiarato, soddisfatto, in conferenza stampa: “Ce l’abbiamo fatta, l’Europa è forte e unita. È un ottimo accordo, e giusto. Ed è un segno concreto che l’Europa è una forza in azione”. Insomma è andata anche stavolta, nuovo record per una trattativa iniziata venerdì scorso per i leader europei, impegnati a stabilire quale fosse il modo giusto per sostenere la ripresa post coronavirus nei Paesi europei: tra Paesi “frugali” (ovvero “parsimoniosi”: Austria, Olanda, Danimarca e Svezia) a frenare gli animi, e Paesi più deboli e più colpiti, come il nostro, a chiedere meno prestiti. Tutti sotto la guida di Merkel e Macron. “E’ un giorno storico per l’Europa”, commenta il presidente francese, un giorno che cambia le politiche economiche del continente e che per lunghe nottate pareva non doversi compiere mai.

Italia protagonista e osservata speciale

Il piano straordinario da 750 miliardi di euro vuole salvare dal tracollo finanziario i paesi più colpiti dal Covid-19, con soldi che saranno trovati da Bruxelles attraverso gli eurobond. I trasferimenti a fondo perduto scendono da 500 a 390 miliardi e i prestiti salgono da 250 a 360 miliardi.

L’Italia è la grande protagonista e principale beneficiaria: più della Spagna, proprio come volevano tedeschi e francesi. Ottiene 208,8 miliardi, di cui 81,4 in trasferimenti e 127,4 in prestiti, per trasformare l’economia del Paese secondo le priorità e le raccomandazioni dell’Ue. Le condizioni poste, infatti, le potremmo definire a prova di populismo: un vizio che chi ci conosce sa che potremmo ripetere. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha accettato una serie di condizioni per avere tanta generosità di fondi, tra le quali il famigerato “freno di emergenza”. Si tratta di una legittima assicurazione contro il possibile ritorno di una maggioranza sovranista e anti-euro, come del resto fu anche il primo governo Conte. Se invece Roma lavorerà in accordo con Bruxelles, i fondi viaggeranno sempre senza problemi. Un principio di precauzione che in fondo rafforza l’attuale governo.

Conte: “Al lavoro”

“Abbiamo conseguito questo risultato tutelando la dignità del nostro Paese e l’autonomia delle istituzioni comunitarie”, il commento a caldo del premier. “Il governo italiano è forte: la verità è che l’approvazione di questo piano rafforza l’azione del governo italiano. Ora avremo una grande responsabilità: con 209 miliardi abbiamo la possibilità di far ripartire l’Italia con forza e cambiare volto al Paese. Ora dobbiamo correre”.

Il Recovery Fund

Nel dettaglio, l’accordo mette sul tavolo 750 miliardi, 500 a fondo perso e 110 in prestiti, su spinta dei “frugali”, che ottengono anche un aumento dei loro rebates, gli sconti ai versamenti al Bilancio comune 2021-2027. L’equilibrio finale del Recovery è dunque di 390 miliardi di sovvenzioni da non rimborsare e 360 miliardi di prestiti.

Si tratta di un “pacchetto senza precedenti – ha precisato la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen- Il Recovery and Resilience Facility è stabilito in una maniera molto chiara: è volontario, ma chi vi accede deve allinearsi con il Semestre europeo e le raccomandazioni ai Paesi. Finora dipendeva solo dai Paesi rispettarle o meno – aggiunge – ma ora le raccomandazioni sono legate a sussidi e potenziali prestiti”.

Leggi anche:

Lo scandalo delle spiagge private italiane

Nel 2100 gli italiani saranno la metà

Scuola: è polemica su banchi anti-Covid | Così i 5 colossi tech fanno i miliardi | Novara: sgominata una psico-setta

Mar, 07/21/2020 - 06:25

Corriere della Sera: I 3 milioni di nuovi banchi anti-Covid: parte la gara, ma è polemica sui costi;

Il Giornale: Orban contro l’Olanda: ecco perché l’ungherese difende la linea italiana;

Il Manifesto: La difesa di Palamara: «Il sistema delle correnti è a un punto di non ritorno»;

Il Mattino: Leader Ue verso intesa, ipotesi fondo da 750 miliardi (209 all’Italia) La bozza Paesi Frugali aprono Ecco quali sono;

Il Messaggero: Vaccini Oxford e Cina inducono l’immunità. Lancet: primi test positivi Bucci: «Produzione entro metà 2021»;

llsole24ore: Amazon, Apple, Google, Microsoft e Facebook: così i 5 colossi tech fanno i miliardi;

Il Fatto Quotidiano: Mondo – In Francia “tra i 400 e i 500 focolai” Brasile, 4° ministro infetto: “Uso clorochina” Tra gli indigeni 70mila contagi e 2mila morti;

La Repubblica: Effetto Covid: il Pallone d’Oro 2020 non verrà assegnato;

Leggo: Leader Ue verso intesa, ipotesi fondo da 750 miliardi (209 all’Italia) La bozza Paesi Frugali aprono Ecco quali sono;

Tgcom24: SGOMINATA UNA “PSICO-SETTA”  Novara, schiave bambine costrette a far divertire “il dottore” | A portarle da lui spesso i genitori | Video;

Vivere e coltivare secondo i ritmi della natura (VIDEO)

Lun, 07/20/2020 - 18:00

Producono vini da uve da agricoltura biologica. L’azienda è in fase di conversione, una scelta precisa per ritornare a coltivare secondo i ritmi e i tempi della natura, riscoprendo vecchie varietà e nuovi sapori.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_144"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/144/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/144/output/vini-biologici.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/144/vini-biologici.mp4' } ] } })

EcoFuturo 2020: riassunto e sessione quinto e ultimo giorno

Lun, 07/20/2020 - 17:04
Sessione della sera

JACOPO FO E FABIO ROGGIOLANI CHIUDONO IL FESTIVAL

JACOPO FO FABIO ROGGIOLANI

JACOPO FO E FABIO ROGGIOLANI, conduce Sergio Ferraris .

Pubblicato da EcoFuturo Festival su Sabato 18 luglio 2020 Ecosalute

LA RISCOPERTA DELLA SOLIDARIETÀ AI TEMPI DEL COVID-19

LA RISCOPERTA DELLA SOLIDARIETÀ AI TEMPI DEL COVID-19

LA RISCOPERTA DELLA SOLIDARIETÀ AI TEMPI DEL COVID-19RELATORI: Dott. Espedito De Leonardis (Chiropratico), Dott. Massimo Rinaldi (Oncologo Agopuntore), Dott. Luca Carosini “prendersi cura della persona e non della malattia: una storia di guarigione del Covid con Maria Pia Urbani (agopuntrice) e Pio Urbani (medico paziente)”

Pubblicato da EcoFuturo Festival su Sabato 18 luglio 2020 Crowdfunding

CAMPAGNE DI REWARD/DONATION NELL’OTTICA DEL SOCIAL IMPACT

CAMPAGNE DI REWARD/DONATION NELL’OTTICA DEL SOCIAL IMPACT

CAMPAGNE DI REWARD/DONATION NELL’OTTICA DEL SOCIAL IMPACTAngelo Rindone (Produzioni dal basso), Crowdfunding & Sustainable Development Goals; Emiliano Bonadio (NaturaSì) L’impegno di Ecornaturasì per la promozione di Campagne di Reward/Donation; Stefano Rossi (Country Manager Italia Lita.co), Investire in imprese ad elevato impatto sociale ed ambientaleCASE STUDIES CAMPAIGN MANAGER:• Produzioni dal Basso: Arianna; Ischidados• Lita.co: HumusPremio di ringraziamento per le Piattaforme Intervenute

Pubblicato da EcoFuturo Festival su Sabato 18 luglio 2020 Sessione del pomeriggio

DAL PRODOTTO INTERNO LORDO AL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE

DAL PRODOTTO INTERNO LORDO AL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE

DAL PRODOTTO INTERNO LORDO AL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILEForum dal Prodotto Interno Lordo al Benessere Equo e Sostenibile, partendo dal libro di Lorenzo Fioramonti “Il mondo dopo il Pil”RELATORI: Lorenzo Fioramonti, Gianpietro Zonta (D’Orica), Averaldo Farri (ZCS Azzurro), Luigi Di Marco (Co-coordinatore ASviS Italia), Sara Cirone (Sara Cirone Group Srl Società Benefit)

Pubblicato da EcoFuturo Festival su Sabato 18 luglio 2020 Sessione del mattino

LA TRASFORMAZIONE DELLE RETI

LA TRASFORMAZIONE DELLE RETI

La decarbonizzazione Italiana sarà più rapida perché siamo dotati di una infrastrutturazione di reti per l’energia elettrica e per il gas senza pari. Mettere in sinergia le due reti energetiche e la rete idrica per un grande progetto unico al mondo.RELATORI: Gianni Girotto (Pres. Comm. Ind. Senato)Stefano Conti (TERNA)Alessandro Russo (Presidente Gruppo CAP)Michele Governatori (Derrik Energia)Massimo Derchi (Chairman Snam Rete Gas)CONDUCE:Sergio Ferraris, giornalista

Pubblicato da EcoFuturo Festival su Sabato 18 luglio 2020 LE COMUNITÀ ENERGETICHE E LA LIBERA VENDITA DELLE RINNOVABILI

"LE COMUNITÀ ENERGETICHE E LA LIBERA VENDITA DELLE RINNOVABILI"Nei condomini e nei centri commerciali, come nelle aree industriali, sarà possibile produrre energie rinnovabili e venderle o scambiarsele con i vicini. Una vittoria grande della nostra pluriennale mobilitazione, di Dario Tamburrano e del presidente della commissione Industria del Senato Gianni Girotto. Il matrimonio tra Comunità energetiche, finanza democratica e tetti scolastici o parcheggi potrà cambiare il volto del paese. Ne vedremo le prime applicazioni concrete e ne discuteremo con i protagonisti.RELATORI: Gianni Girotto (Pres. Comm. Ind. Senato)Giovanni Cimini (WesternCo)Attilio Piattelli (Italia Solare)Elly Schlein (V.Pres. Reg. Emilia Romagna)Fabio Roggiolani (Giga-Ecofuturo)Carlo Giangregorio (Generplus)Dario Tamburrano (già Europarlamentare)Marco Pezzaglia (CIB)Giorgio Mottironi (Ener2crowd)CONDUCE:Sergio Ferraris, giornalista

Pubblicato da EcoFuturo Festival su Sabato 18 luglio 2020

10 cibi pericolosi per i cani

Lun, 07/20/2020 - 15:00

Dal canale YouTube di AnimalPedia:vi mostreremo alcuni cibi pericolosi per cani perché possono causare problemi di salute o addirittura alcune malattie. Segnaleremo degli alimenti tossici e spiegheremo quali sono gli alimenti proibiti ai cani a causa di alcune caratteristiche specifiche. Scopri insieme a noi quali sono i 10 cibi proibiti ai cani e fai attenzione soprattutto se il tuo cane segue una dieta casalinga. Ricorda di consultare sempre il veterinario!”

Fonte: AnimalPedia

Leggi anche:
In Cina sarà finalmente vietato mangiare cani e gatti
Perché i cani mangiano l’erba?
Cani, arriva il metodo scientifico per valutarne l’età

Covid-19, il Lazio è la nuova Lombardia?

Lun, 07/20/2020 - 13:00

La Regione Lazio sta pensando a un’ordinanza che renda le mascherine obbligatorie all’aria aperta, per chi passeggia in compagnia di altre persone. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato. Nel Lazio se ne indossano sempre meno, sostengono le autorità, e c’è forte preoccupazione per la situazione nelle strade e nelle piazze della movida, come pure all’interno dei mezzi pubblici. Dall’inizio di luglio i casi in regione sono in aumento, e solo ieri si sono contati 17 nuovi casi in 24 ore.

I giovani sembrano il paradigma della nuova, possibile, ondata

Non solo nel Lazio, i giovani sono i più disinvolti. Girano senza mascherine, si ritrovano e si assembrano in piazza la sera e sembrano un pericolo per loro stessi e per le loro famiglie, ha spiegato D’Amato. “La mascherina va sempre indossata, è l’unica vera arma che abbiamo per non disperdere il grande lavoro che abbiamo fatto fino a questo momento”. Ma i numeri delle farmacie parlano chiaro: a Roma nelle ultime settimane la vendita si è ridotta di bene il 40%, ha spiegato l’assessore in un’intervista.

Il Lazio minaccia il lockdown

Il rischio è essere costretti a nuove chiusure, come sta avvenendo in Spagna, in Catalogna, dove il 18 luglio sono stati registrati oltre 1200 nuovi casi di coronavirus, a riprova che il caldo da solo non è sufficiente a indebolire il contagio. In Spagna le autorità hanno chiesto di stare quanto più possibile in casa ai cittadini e il Lazio sta pensando a misure simili nel caso in cui la situazione non migliori.

La luce in Lombardia

Al contrario, altra giornata positiva invece ieri in Lombardia, con numeri molto positivi. Alle 16.15 di ieri per la prima volta il bollettino ha parlato di zero morti per coronavirus. Su 7.039 tamponi effettuati i nuovi positivi sono stati 33, di cui 13 a seguito di test sierologico e 15 debolmente positivi. Sono 48 invece i guariti dimessi, mentre sono ancora 148 – uno in meno nelle ultime 24 ore – i ricoverati nei reparti ordinari. Stabile, con 22 pazienti, il conto delle terapie intensive. 

Dei 33 nuovi positivi 7 sono milanesi, di cui 4 a Milano città. Un respiro di sollievo per la regione più colpita d’Italia e che, solo di recente, ha finalmente escluso l’obbligo della mascherina negli spazi aperti, nel caso in cui sia possibile mantenere le distanze di sicurezza.

Leggi anche:

Scuola, Tasca: “No alla mascherina: i bambini non sono contagiosi come noi”

Covid-19, in Puglia “Start” assegna 2mila euro in più

Lo scandalo delle spiagge private italiane

Lun, 07/20/2020 - 12:00

Nella penisola, oltre la metà delle spiagge sono date in concessione dallo Stato a società private. Secondo le regole europee, la concessione degli stabilimenti balneari dovrebbe essere assegnata al miglior offerente in base a una gara ma l’Italia ha deciso di estendere le concessioni agli attuali gestori senza nessuna gara per altri 13 anni e ora rischia una penalità dall’Unione Europea.

Più della metà delle spiagge in Italia non sono libere

In Italia, molto più che in qualsiasi altro Paese che affacci sul Mediterraneo, le spiagge in maggioranza sono gestite da operatori privati che affittano sedie a sdraio e ombrelloni ai clienti e impediscono l’accesso a chi non paga, sebbene l’accesso al mare in teoria dovrebbe essere garantito a tutti per legge.

Secondo le stime di Legambiente le spiagge libere rappresentano meno del 50% del totale delle spiagge italiane. La maggior parte del litorale è quindi in mano ai privati per concessione dello Stato.

Assegnazioni senza gara prorogate fino al 2013

E, anche se in teoria le concessioni allo scadere dovrebbero essere assegnate attraverso una gara, in realtà sono sempre state automaticamente rinnovate alla scadenza. E addirittura questo mese di luglio tutte le concessioni sono state rinnovate fino al 2033.

Canoni di affitto irrisori

Inoltre i canoni pagati da questi gestori allo Stato quasi sempre sono irrisori. Un’incoerenza denunciata anche dall’ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, che ha dichiarato a Repubblica: “L’Italia riceve solo 100 milioni di euro all’anno da tutte le concessioni marittime. Non è praticamente nulla. Queste concessioni, che vengono trasmesse in famiglia, non sono mai oggetto di una competizione e pagano affitti irrisori. Un esempio? Lo stabilimento più vicino a Capalbio in Toscana paga 4.500 euro di affitto all’anno. Un posto al suo interno per la stagione estiva costa circa 3.000 euro. Noleggiando un solo ombrellone , questa struttura rimborsa quasi tutto l’affitto. Questo ovviamente non è giusto“.

Per Carlo Calenda, sarebbe quindi necessario mettere a gara le concessioni. Un bando di gara che ricompensi i gestori “che hanno fatto investimenti per migliorare la costa dando loro punti aggiuntivi“. Se questo sistema – che lui stesso aveva proposto quando era ministro – non è stato messo in atto la ragione è semplice secondo Calenda: i gestori di queste strutture balneari sono una lobby molto potente e ramificata, capace di influire sulle scelte politiche.

Gestori in difficoltà?

Critiche inaccettabili per Deborah Bergamini di Forza Italia che è stata la promotrice in parlamento di questa estensione delle concessioni. “In un momento del genere ci deve essere un ulteriore aiuto per le piccole aziende italiane in difficoltà”, ha detto.

Il prezzo salatissimo per andare al mare

Le “aziende italiane” in questione citate dalla Bergamini del resto spesso fanno pagare molto salato l’accesso al mare. Ecco alcuni esempi citati dal Codacons:

  • Venezia, Lido Hotel Excelsior. Capanna per 3 persone 453 euro al giorno;
  • Forte dei Marmi, Spiaggia dell’Augustus Hotel. Tenda per 3 persone 450 euro al giorno;
  • Marina di Pietrasanta, Twiga. Tenda araba per 4 persone 400 euro al giorno
  • Lerici, Eco del Mare, Cabina de luxe per 4 persone 389 euro al giorno,
  • Savelletri (Brindisi), Lido Pettolecchia. Gazebo per 3 persone 300 euro al giorno.

E ancora: “causa il coronavirus” molte amministrazioni cittadine hanno ristretto l’accesso alle spiagge private e molti stabilimenti hanno aumentato a dismisura i prezzi. Per esempio in penisola sorrentina segnalano che i prezzi in alcuni casi sono addirittura triplicati rispetto all’anno scorso.

L’accesso al mare in questa condizioni diventa una questione di discriminazione di classe tra chi è abbiente e può permetterselo a gli altri.

La Commissione europea interverrà?

La proroga delle concessioni viola le regole del mercato interno dell’UE, nell’ambito delle quali le concessioni dovrebbero essere date solo per periodi limitati e attraverso procedure di gara. Secondo un avvocato intervistato dal giornale online di Bruxelles Politico, esiste “il rischio concreto che la Commissione europea avvii una procedura di infrazione contro l’Italia in materia”.

Un intervento dall’Europa che Legambiente richiede anche attraverso un comunicato stampa: “l’Europa deve intervenire. Devono essere introdotti standard chiari e trasparenti per l’assegnazione delle concessioni marittime, con criteri che migliorino questi stabilimenti che adottino esperienze virtuose e che consentano un accesso corretto e sostenibile alla costa. E inoltre è necessario prendersi cura delle spiagge libere, un bene primario che si riduce di anno in anno. ”

Leggi anche:
Estate 2020: ecco quali sono le spiagge più belle e più pulite d’Italia
L’indagine di Legambiente: le spiagge italiane sono sommerse dai rifiuti
Vacanze: 3 consigli preziosi per l’estate dei nostri amici animali

L’importanza delle recensioni online per le piccole imprese

Lun, 07/20/2020 - 10:00

Le piccole imprese, con investimenti di poche migliaia di euro, devono saper analizzare ciò che determina veramente le decisioni di acquisto e adattare le loro strategie di conseguenza

Sono cambiate le abitudini di acquisto dei consumatori ed i piccoli imprenditori ancora non riescono a sfruttare in pieno questa opportunità.

Con la crescente diffusione di opinioni di esperti ed utilizzatori, l’importanza del marchio è infatti diminuita: in passato gli acquirenti tipicamente operavano confronti relativi (il marchio A è meglio del marchio B?) oppure seguivano la massima “otterrai quello per cui hai pagato” per cui si convincevano che il prodotto più costoso era migliore.

Dipendevano in gran parte da informazioni e pubblicità fornite dei produttori in base alle loro strategie di marketing.

Oggi, grazie soprattutto alle recensioni generate dagli utenti e alla tendenza delle persone a consultare gli amici nei social media, chi compra dispone di altre opzioni. L’abbondanza di informazioni peer-to-peer e la disponibilità senza precedenti di opinioni di esperti dà loro accesso a ciò che è noto come valore assoluto, una sensazione ricca e specifica di cosa possa significare possedere o usare il bene che stanno considerando di comprare.

Ogni piccolo imprenditore è consapevole dell’ascesa delle recensioni online e di altre fonti di informazioni tra pari, ma molti trascurano questo trend e mettono sul mercato i prodotti più o meno come facevano dieci anni fa.

E’ venuto il momento che  molte piccole aziende (anche il ristorante o il negozio sotto casa) debbano modificare radicalmente le proprie strategie di marketing per tenere conto del crescente potere esercitato sui futuri consumatori dalle opinioni di chi è già un consumatore.

Ma quando parliamo di marketing pensiamo che il concetto sia coerente solo con la grande impresa. Sbagliato! Cari (piccoli imprenditori) un modellino di processo di marketing può essere tarato anche per il ristorante o il negozio sotto casa.

E prima di iniziare questo inevitabile processo di cambiamento tenete presente questa equazione.

Le decisioni di acquisto dei clienti sono tipicamente influenzate da una combinazione di tre fattori:

  1. Le loro precedenti preferenze, credenze ed esperienze
  2. Le informazioni degli operatori di marketing (pubblicità, packaging, marca, ecc…)
  3. Input da altre persone e dai servizi di informazione

Pensiamo a questo mix di influenze. Pensiamoci in termini di gioco a somma zero: quanto maggiore è la dipendenza da una fonte, tanto più bassa l’esigenza di altre. Se l’impatto del fattore 3 su una decisione di acquisto di un apparecchio da cucina aumenta, l’influenza del fattore 1 o 2, o di ambedue, diminuisce.

Le aziende si devono chiedere: in che misura i consumatori dipendono dal fattore 3 quando prendono decisioni sui loro prodotti? Una volta capito ciò, bisogna prendere atto che ci sono implicazioni strategiche:

  • il marchio perde importanza. Vado a cena in quel ristorante ben recensito anche se non e’ il ristorante con un marchio consolidato
  • La pubblicità (anche attraverso celebrità/testimonial) non riscuote molto successo perché, quando giunge il momento di effettuare l’acquisto, il peso di recensioni di fiducia di norma supera ogni altro effetto residuale di esposizione casuale a una pubblicità
  • Si possono evitare le costose ricerche di mercato e le indagini di customer satisfaction. Invece di misurare le preferenze, la soddisfazione e la fedeltà di singoli consumatori, i piccoli imprenditori dovrebbero reindirizzare le risorse (poche migliaia di euro) per tracciare, codificare e quantificare sistematicamente le informazioni derivanti da siti di recensioni, forum di utenti e altri social media.

    Quando pero’ parlo con le aziende dell’opportunità di cambiare il marketing mix per tenere conto del crescente potere del fattore 3, verifico un’obiezione costante: il crescente sospetto (ed in qualche caso la prova perché IO SO E HO LE PROVE) che le recensioni online siano soggette a manipolazioni e imbrogli. Alcuni credono che la dipendenza dei consumatori dal fattore 3 calerà man mano che sempre più acquirenti diventeranno coscienti dell’ingannevolezza delle recensioni.
    Non sono d’accordo.

Siti come TripAdvisor o TrustPilot stanno diventando sempre più sofisticati nell’eliminare le recensioni fasulle e i consumatori stanno sviluppando una migliore percezione di quali siti (e recensori individuali) possono essere ritenuti affidabili.

Per di più, non credo che i consumatori abituati all’abbondanza di recensioni online torneranno mai ad affidarsi al tradizionale fattore 2.

La ricerca vorace di informazioni è diventata profondamente integrata nelle abitudini di molti consumatori e non possiamo ipotizzare uno scenario in cui vedremo il marketing tradizionale costituire una fonte di informazione migliore.

A mano a mano che l’influence mix evolve, il successo arriderà a quelle aziende che possono tracciare da vicino le fonti di informazione cui si rivolgeranno i loro clienti e troveranno la combinazione fra canali e strumenti di marketing più appropriati per le modalità che saranno scelte dai loro clienti.

Il mercato non aspetta le vostre decisioni. Il cambiamento e’ ieri 

Leggi anche:
Come condurre una vita anticapitalista in un mondo capitalista
Basta con l’intuito, l’imprenditore oggi più che mai deve saper ascoltare
La dittatura delle recensioni sul web: giudizi senza appello

Le Dolomiti da raccontare ai bambini

Lun, 07/20/2020 - 08:00

Sono le montagne più belle del mondo, Patrimonio naturale dell’umanità Unesco, non c’è competizione, vai, cerchi, vedi, ma poi torni da loro, i colori, gli scorci, i panorami mozzafiato dovunque giri lo sguardo, sono là e non altrove.

E, a proposito di colori, cosa c’è di più affascinante dell’enrosadira all’alba e al tramonto? Il termine viene dal ladino “diventare rosa” ed è il fenomeno per cui la maggior parte delle cime delle Dolomiti assumono un colore rosa scuro, rossastro, che passa gradatamente al viola, soprattutto all’alba e al tramonto. Questo fenomeno è dovuto alla composizione delle pareti rocciose delle Dolomiti, formate dalla dolomia contenente dolomite, un composto di carbonato di calcio e magnesio e si nota soprattutto nelle sere d’estate, quando l’aria è particolarmente limpida e il sole lucente cala a occidente.

Il fenomeno dell’enrosadira può manifestarsi, in maniera considerevole, diversamente nei vari periodi dell’anno, e addirittura può variare anche tra un giorno e l’altro. Queste variazioni di tinte e durata dell’enrosadira, sono dovute alle diverse posizioni del sole durante l’anno e alle condizioni dell’atmosfera; all’alba l’enrosadira appare sulle crode rivolte a est, mentre al tramonto sono le pareti rivolte a ovest a colorarsi magicamente.

Come tutti i fenomeni naturali anche l’enrosadira ha la sua leggenda che viene da lontano e si intreccia con altre varie leggende delle Dolomiti…. Re Laurino, re dei nani, possedeva un giardino meraviglioso pieno di rose, il Rosengarten (Giardino delle rose) o Catinaccio. Il popolo dei nani scavava nelle viscere delle montagne alla ricerca di cristalli e metalli preziosi, il loro re, aveva due armi magiche: una cintura che gli forniva una forza pari a quella di dodici uomini ed una cappa che lo rendeva invisibile.
Un giorno il re dell’Adige decise di trovare marito alla principessa Similde, sua figlia, e per questo motivo invitò tutti i nobili del circondario ad una gita di maggio, tutti trannei il Re Laurino. Questi decise allora di partecipare comunque, ma come ospite invisibile. Quando sul campo del torneo cavalleresco ebbe modo di vedere Similde, colpito dalla sua stupenda figura, se ne innamorò all’istante. La caricò in groppa al suo cavallo e fuggì a spron battuto. I combattenti si lanciarono subito all’inseguimento per portare indietro Similde, schiarandosi in breve davanti al giardino delle rose. Re Laurino allora indossò la cintura che gli dava la forza di dodici uomini e si gettò nella lotta. Quando si rese conto che nonostante tutto stava per soccombere, indossò la cappa e si mise a saltellare quà e là nel giardino, convinto di non essere visto. Ma i cavalieri riuscirono a individuarlo osservando il movimento delle rose sotto le quali Laurino cercava di nascondersi.
Lo afferrarono, tagliarono la cintura magica e lo imprigionarono. Laurino irritato per il destino avverso si girò verso il Rosengarten che lo aveva tradito e gli lanciò una maledizione: né di giorno né di notte alcun occhio umano avrebbe potuto più ammirarlo. Laurino però dimenticò il tramonto e l’alba e così allora accadde che il Catinaccio, sia al tramonto che all’alba, da allora, si colori come un giardino di ineguagliabile bellezza.

Le leggende hanno un certo fascino, ma la geologia e la storia dei mutamenti terrestri ancora di più, perciò spieghiamo bene ai bambini la genesi delle roccie dolomitiche che risale a più di 200 milioni di anni fa, dove tutto è iniziato a partire dal fondale di uno sconfinato mare molto più vasto dell’attuale Mediterraneo.  Il mare sovrastava la penisola italiana e il fondale marino era costituito da diversi elementi, tra cui alghe calcaree, coralli e altri organismi tipici degli ambienti marini tropicali che, nel corso di intere ere geologiche, si sedimentarono dando origine all’attuale roccia che compone le Dolomiti.
Ma andiamo per gradi, 270 milioni di anni fa, quando le zolle continentali non si erano ancora separate, erano unite in un grande e unico continente: la Pangea. Le coste di questo super continente erano caratterizzate da una profonda insenatura, un golfo, che un famoso geologo di origine australiana, alla fine del secolo scorso, battezzò col nome di Tetide. Il contesto geologico del fondale di questo golfo fece da scenario alla nascita delle Dolomiti.

La Pangea appariva una zona subdesertica solcata torrenti che trasportavano detriti di vario genere e puntellata di laghi temporanei con acque poco profonde. Il clima era arido e caldo. Le numerose perturbazioni climatiche non portavano pioggia, ma solo un vento caldo e secco. Il grande caldo insieme all’assenza di precipitazioni, causarono forti evaporazioni e, conseguentemente, portarono ad altissime concentrazioni di sale nell’acqua. Così, sul fondo di questo mare si accumulavano sedimenti che, nel corso di secoli, finirono per trasformarsi in roccia. Inoltre, i movimenti della crosta terreste insieme a continue attività vulcaniche, contribuirono al grande mutamento.

Le rocce così sedimentate, rimasero sepolte nelle profondità marine fino a quando, le forze dei terremoti, maremoti e grandi frane sottomarine innalzarono gli antichi strati del fondale marino fino alle altezze delle attuali Dolomiti. Le rocce emerse apparivano uniformi e continue, ma, nel corso dei secoli, i cambiamenti climatici e le forze della natura agirono sulle neo formate Dolomiti, erodendo ed eliminando le zone più friabili. Le rocce più dure rimasero invece integre, ma iniziarono pian piano a modificarsi in canaloni, pareti spigolose e bellissime crode. A testimonianza del loro passato remoto, i resti di fossili di molluschi ci raccontano storie di mari e di lagune brulicanti di vita che mostrano il cambiamento del nostro pianeta.

Sulle infinite distese di pianure scorazzavano i pareiasauri erbivori, tra i più grandi primi rettili, in grado di raggiungere i tre metri di lunghezza. La maggior parte di questi rettili si estinse velocemente.

Verso la fine del Permiano, nell’area delle odierne Dolomiti, ovvero più o meno 255 milioni di anni fà, il mare divenne il dominatore assoluto. E 235 milioni di anni fa, avvenne una caduta a grande profondità e la regione delle Dolomiti sprofondò sempre più. In parte per 1.000 metri e più. In una corsa contro il tempo, i coralli dovettero costruire le loro barriere sempre più in alto. Una gran parte dei più imponenti gruppi montuosi delle Dolomiti – come il Catinaccio, lo Sciliar, il Latemar, le Pale di San Martino o la Marmolada – altro non sono che possenti barriere fossilizzate!

La successiva catastrofe stava però per accadere, 228 milioni di anni fa iniziarono le potenti eruzioni vulcaniche: nell’area delle Alpi di Siusi, da Predazzo e Buffaure un’enorme quantità di materiale vulcanico venne spinta in superficie. Allo stesso modo masse laviche fluirono al di sopra del fondale marino fuoriuscendo da numerosissimi punti di uscita sottomarini. Colate laviche e depositi di tufo riempirono le depressioni tra le barriere, ricoprendo i banchi di corallo e uccidendo ogni forma di vita. La conchiglia Daonella, con le sue eleganti coste a raggiera, trovò il suo ambiente ideale nelle acque vicine alla costa delle piccole isole vulcaniche.
Su piccole isole vulcaniche sbocciò una vegetazione variegata. Sulle barriere svettanti verso l’alto si insediarono numerosi organismi, tra cui alghe, spugne e in particolare coralli.

65 milioni di anni fa avvenne la successiva grande estinzione, si estinsero le ammoniti. E con esse anche i dinosauri. Fu lo stress dello sviluppo a cui dovettero arrendersi o un potente impatto di un meteorite a porre fine alla loro vita? Questo è un mistero.

30 milioni di anni fa, lentamente, il continente africano iniziò a spostarsi verso nord avvicinandosi a quello europeo. Imponenti banchi di roccia vennero spinti l’uno sull’altro e, per così dire, pieghettati. Ebbe così inizio il ripiegamento delle Alpi. Sul Col Bechei a Fanes, a 2.500 metri, si custodiscono gli ultimi resti dell’antico mare che per oltre 200 milioni di anni ha dominato l’area delle Dolomiti; la terra però doveva intraprendere di nuovo la sua marcia trionfale.

20 milioni di anni fa, un paesaggio unico al mondo iniziò a formarsi, i primi fiumi si fecero strada a fatica tracciando il loro letto, da cui vennero plasmate le prime valli. Comparvero così sinuose cime tondeggianti. Le antiche sedimentazioni, trasformatesi in rocce e compresse, piegate, nonché spinte l’una sull’altra da possenti forze, vennero nuovamente alla luce. Rocce resistenti agli agenti atmosferici, come le antiche barriere e le piattaforme di carbonato, si innalzarono verso il cielo sottoforma di ripide cime. I resti del vulcanismo, le marne e le arenarie dei bacini marini si trasformarono in sinuose colline.

Gli ultimi 5 milioni di anni hanno costituito il periodo delle glaciazioni, dove la potenza del ghiaccio e dell’acqua ha impresso il proprio marchio sulle sedimentazioni di epoche precedenti. I ghiacciai ricoprirono la terra plasmando le valli. Le Dolomiti sprofondarono al di sotto di una coltre di ghiaccio spessa 2 km. Solo le vette più alte spuntavano da questo mare ghiacciato. Con forza gigantesca i ghiacciai hanno scalfito la roccia lasciando le loro tracce: valli a U, morene, superfici levigate.

Da allora si entra nell’era moderna, le montagne si sono ripiegate in modo impercettibile e gli strati si sono deformati, mossi da forze impetuose, creandosi così un’alternanza tra sviluppo e scomparsa. Poi è comparso l’uomo che, come nessun altro essere vivente prima di lui, ha plasmato la natura. Costruzioni che si impongono nel paesaggio naturale: dighe di sbarramento, ponti, impianti di risalita che hanno determinato dei cambiamenti. Talvolta troppi.
Ciò malgrado, la natura, nel suo corso sempre mutevole e imprevedibile, lassù troneggia su tutto e si può dire un po’ meno mutata che altrove.

Per conscere la geologia della Dolomiti, in Trentino ed in Alto Adige si trovano grandi e piccoli musei, collezioni, biblioteche: sono numerosi i luoghi nei quali si possono scoprire  i segreti delle rocce dolomitiche. Ad iniziare dal MUSE di Trento, vera “porta d’ingresso” alle Dolomiti. Per maggiori informazioni sui alcuni dei principali musei delle dolomiti clicca qui.

Le Dolomiti, ma la montagna in genere, sono certamente natura, ma sono anche cultura e le due cose si possono dire indelebilmente legate. Una cultura intessuta della vita spesso durissima che in passato è stata vissuta dalle sue popolazioni, che sa accogliere, seppur in apparenza più severi, e che sa insegnare, offrendo un’ideale palestra non solo per il corpo, ma anche per lo spirito.

In montagna si impara innanzitutto a seguire. Ordinatamente, passo dopo passo, con una cadenza che aiuta a superare la fatica e a rendere più agevole e sicuro il cammino. Si segue chi guida, chi sa dove condurci, chi meglio di noi conosce la meta e la via, ma si segue anche la persona che immediatamente ci precede. Quelli che portano zaini più pesanti o che hanno un buon ritmo di marcia vanno avanti, all’inizio della fila, in modo che il passo degli altri si adegui al loro. Di un passo cadenzato, non frettoloso né interrotto. Molto meno faticoso, nonostante il dislivello,  se mantenuto costante. Se serve, se qualcuno sembra non farcela, ci si aiuta portando «i pesi gli uni degli altri» oppure dando una mano – o meglio, in senso letterale, «la» mano – a chi ci segue.

In montagna s’impara il silenzio. Perché è in silenzio, solitamente, che si procede, per non sprecare inutilmente fiato, ma anche per «vivere» il cammino nel modo migliore, nella meditazione, assorti nel paesaggio che ci circonda, quasi come un pellegrinaggio perché in fondo ogni escursione è un pellegrinaggio verso la meta. Una meta di volta in volta diversa, ma solo in apparenza: perché qualunque cima si raggiunga, piccola o grande, è un santuario che si manifesta nel creato.

In montagna si impara a salutare, in tutte le lingue, ci si capisce; si deve imparare a non sporcare, a dare la precedenza o aiutare chi è più debole o indifeso, a porre attenzione a come ci si muove perchè una distrazione, specie nei sentieri più impervi o in quota, può costituire un pericolo per qualcun’altro. A camminare in montagna si rimane giovani, è un dato certo, ottantenni impegnati in ferrate o percorsi con dislivelli impegnativi, che fanno invidia a ventenni per forma fisica ed energie, ne sono la prova.

Per dare un’occhiata agli itinerari più belli si consiglia il sito del Touring che raccoglie una decina di percorsi trekking segnalati, “schedati” ed organizzati per difficoltà, dislivello, pendenze e sentieri segnalati e il sito www.alto-adige.com dove sono organizzate nello stesso modo le escursioni, ma suddivise per località dolomitica.

I percorsi ad anello– il giro del Sasso Piatto, l’anello del Piz Boè, l’anello del Pelmo, il giro del Lagazuoi, il giro della Bullaccia all’Alpe di Siusi, per dirne alcuni- sono sicuramente i più affascinanti, perchè i paesaggi sono sempre nuovi. Il livello di impegno, anche qui, può essere modulato in base alla preparazione fisica, e, se impegnativo,  supportato dall’uso degli impianti nei dislivelli maggiori.

Tutte le mappe fornite gratuitamente dagli uffici turistici locali forniscono informazioni dettagliate sui percorsi più belli e del tipo di sentieri che li costituiscono (muoversi sempre su sentieri segnalati è la regola principe!), ma se viaggiate con bambini piccoli c’è un sito molto ben fatto e molto utile che tratta sempre di percorsi segnalati, selezionati, bellissimi e,  in più,  fattibili con passeggini o bici (in base alla dimensione e stato del sentiero) e di breve, media durata. Cliccate qui per maggiori info.

Buone Dolomiti a tutti, ma soprattutto ai più piccoli!

 

 

 

[ “Sii tutto ciò che ti rende felice”. Al mio babbo, Luigi, un uomo libero]

 

 

 

 

 

Fonti:

https://www.dolomiten.net/it/scoprire-gustare/tradizione-storia/nascita-dolomiti/dolomiti-genesi-di-un-paesaggio.asp
http://www.toscanaoggi.it/Italia/La-montagna-maestra-di-vita
https://www.visittrentino.info/it/tour/
https://vivalascuola.studenti.it/le-dolomiti-e-la-loro-genesi-177453.html

 

Foto di copertina: Photo by eberhard grossgasteiger from Pexels.

Altre foto nel testo: Photo by Nicholas James Singh from Pexels, Photo by Simon Migaj from Pexels. Foto dell’Autore.

Nasce l’Academy di People For Planet

Lun, 07/20/2020 - 07:00

Eccoci qui, dopo 2 anni e mezzo di People For Planet e una pandemia non ancora finita a chiederci: cos’altro possiamo fare oltre che dare informazioni attraverso il giornale online?

La risposta che ci siamo dati è: mettiamo a disposizione ciò che sappiamo e sappiamo fare (noi e i nostri amici esperti) attraverso dei corsi on line che si occupino di cose importanti per chi sta cambiando il mondo.

Per esempio il marketing, perché non basta fare le cose bene, bisogna anche saperle offrire, distribuire, far conoscere… E questo riguarda le iniziative green, il turismo consapevole, la cultura, l’arte…

Per esempio la comunicazione, quella con il pubblico ma anche quella che usa i nostri mestieri: il giornalismo, il videomaking…

Per esempio l’uso efficace del web e dei social per far conoscere e farsi conoscere attraverso il mondo iperconnesso…

Ma poi anche la psicologia, il teatro, la storia

Così abbiamo creato un catalogo di titoli e vorremmo che tu ci aiutassi a scegliere quelli che per te sono i più importanti, i più interessanti da cui partire, a settembre. Puoi farlo facilmente usando questo link per votare.

VOTA I CORSI PIU’ INTERESSANTI

A settembre partiremo con i corsi più votati.

Corsi basati su video, testi agili, batterie di test per verificare l’apprendimento, incontri online con docenti e partecipanti… e alla fine gli attestati per quanti superano il test finale.

Corsi veloci, operativi e low cost, che consentono alle persone di apprendere le cose necessarie nel tempo strettamente necessario.

Corsi che saranno tenuti dagli autori di People For Planet e da tanti altri docenti esperti e qualificati.

Aiutaci con il tuo voto a scegliere da quali corsi partire a settembre, grazie!

Sarai tra i primi ad essere informato

VOTA I CORSI PIU’ INTERESSANTI

Benvenuto nell’Academy!

Mondo: è record di contagi | Roma: vestiti da arancia meccanica sputano sui citofoni | Attenzione a aria condizionata

Lun, 07/20/2020 - 06:25

Corriere della Sera: La proposta dei Paesi «frugali»: 350 miliardi di aiuti e 350 di prestiti. Conte a Rutte: «Se crolla il mercato, ne risponderai»;

Il Giornale: “L’aria condizionata? Può favorire i contagi nei centri commerciali”;

Il Manifesto: Serbia, nella seconda ondata sintomi più gravi, pazienti più giovani;

Il Mattino: Nuovo record di casi al mondo: 260mila contagi in 24 ore Video. Ayshwarya Rai ricoverata d’urgenza per Covid Barcellona, verso un nuovo lockdown: «Restate nelle abitazioni» Allarme in Texas, 85 neonati positivi. In Spagna picco di contagi;

Il Messaggero: In Italia solo tre morti, ma il contagio non si ferma: picco in Emilia e Veneto. Coronavirus, bollettino Lazio: 17 casi in 24 ore. La Regione: «Uso mascherine o si dovrà richiudere» Coronavirus, il giorno più nero: 260mila nuovi contagi in 24 ore, il triste record storico. In Giappone e Brasile casi boom;

llsole24ore: Da Wall Street a Piazza Affari, come andranno le Borse in settimana? – Perché i listini sono malati di inflazione finanziaria;

Il Fatto Quotidiano: Addio a Giulia Maria Crespi, fondatrice del Fai. Aveva 97 anni. “Entusiasmo in tutto ciò che faceva”;

La Repubblica: Rutte, l’olandese arcigno che l’ha giurata all’Italia: “Controllo io come spendete“;

Leggo: Oltre venti migranti fuggiti dall’hotspot di Taranto: erano sbarcati a Lampedusa;

Tgcom24: Roma, pericolo Covid a Trastevere: “Sputano su maniglie e citofoni per infettarti vestiti da Arancia Meccanica”;

L’eccesso di igiene in casa può far male alla salute? (VIDEO)

Dom, 07/19/2020 - 19:00

Ultima puntata della nostra inchiesta su batteri buoni contro batteri cattivi. Questa volta parliamo di eccesso di igiene in casa. People For Planet è andato a Ferrara a intervistare la Dottoressa Elisabetta Caselli, docente e ricercatore di Microbiologia clinica, per sapere se pulire troppo la casa può far male alla salute e limitare lo sviluppo delle difese immunitarie.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_138"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/138/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/138/output/caselli-infezioni-batteri-casa.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/138/caselli-infezioni-batteri-casa.mp4' } ] } })

 

INDICE INCHIESTA BATTERI

Lo sporco fa bene! I batteri fanno bene!

Batteri resistenti agli antibiotici: le nuove strategie

Troppa igiene? E le allergie aumentano

Troppa pulizia fa male all’intestino (e al sistema immunitario): ecco perché

Igienizzano e sono eco-friendly: i nuovi detersivi sono a base di batteri buoni

Batteri buoni contro batteri cattivi anche in ospedale (VIDEO)

L’eccesso di igiene in casa può far male alla salute? (VIDEO)

Il modo corretto per togliere le zecche al cane

Dom, 07/19/2020 - 15:00

In questo video tutorial, dal canale YouTube Animalidacortile, verrà illustrato come rimuovere correttamente le zecche da animali domestici e non solo! Infatti queste sono le istruzioni da seguire per togliere nel modo giusto anche le eventuali zecche che si dovessero attaccare all’uomo.

Fonte: Animalidacortile

Leggi anche:
9 idee grandiose per viziare i nostri amici a quattro zampe
Dalla nascita allo svezzamento: cosa sapere sui cuccioli di cane
Il mio cane può diventare vegetariano? E il mio gatto?

Una civiltà multiplanetaria (Video 6)

Dom, 07/19/2020 - 12:30

Elon Musk è una delle persone che prevedono la possibilità che l’uomo si espanda anche nello Spazio, in stazioni spaziali, o su altri pianeti. Secondo Roberto Paura, presidente dell’Italian Institute For the Future, è una possibilità. Non dobbiamo però pensarla come una fuga da un pianeta di cui stiamo sfruttando le risorse.

L’Italian Institute For the Future è un’organizzazione no – profit nata a Napoli nel 2013 che si occupa di anticipare il futuro. Abbiamo raccontato cos’è in questo video.

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_440"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/440/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/440/output/06-civilta-multiplanetaria.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/440/06-civilta-multiplanetaria.mp4' } ] } })

Leggi anche:
Le ferite inflitte al Pianeta dalle attività umane
Extinction Rebellion, il movimento della ribellione pacifica per salvare il pianeta
Trascurare l’ambiente? Può costare al Pianeta il 7% del Pil entro il 2100

Covid-19. I dati mondiali. 1.700.000 casi in una settimana. In Italia 6 regioni con RT superiore a 1

Dom, 07/19/2020 - 10:00

La Johns Hopkins University raccoglie i dati di casi confermati e morti per coronavirus in tutti i paesi. Secondo i dati al 18 luglio sono gli Stati Uniti ad avere il più alto numero di casi accertati e di morti, l’Italia è quattordicesima per numero di casi (sorpassata questa settimana dall’Arabia Saudita) e quinta per numero di morti (rispetto all’Italia sono più i morti registrati negli Usa, in Brasile, nel Regno Unito e in Messico).

Complessivamente nel mondo dall’inizio della pandemia si sono registrati 14.109.000 casi (1.700.000 nuovi casi nell’ultima settimana) e 603.000 morti (43.000 in più rispetto a 7 giorni fa).

Sia il numero di casi sia il numero dei morti nell’ultima settimana sono in forte aumento rispetto alla settimana precedente. Si conferma quindi che non si può parlare di “seconda ondata” poiché la prima non è mai terminata.

La diffusione della pandemia non si ferma ma continua a diminuire il tasso di letalità.

Ormai per la decima settimana consecutiva il confronto tra incremento di casi e di morti a livello mondiale conferma l’ipotesi che, mentre il virus continua a diffondersi, la sua letalità stia diminuendo. Il tasso di letalità dall’inizio della pandemia è stato del 4,3% sui casi accertati mentre nell’ultima settimana è stato del 2,5%.

Negli Usa 463.000 casi nell’ultima settimana. Quasi il doppio di tutti quelli dell’Italia dall’inizio della pandemia

Continua l’impressionante escalation di casi negli Usa, dove nell’arco di una settimana si è passati da 3.185.000 a 3.648.000. Nello stesso periodo il numero dei morti per Covid-19 in Usa è cresciuto da 134.000 a 139.000.

In una sola settimana gli Usa hanno avuto quasi il doppio dei casi registrati in Italia dall’inizio della pandemia.

Lo stato di New York da solo conta ad oggi oltre 32.000 morti ma per fortuna, almeno in questo stato, il numero di morti settimanali è rallentato.

Europa: focolai in Catalogna, in Brasile più di 2 milioni di casi, più di 1 milione in India.

Mentre nell’insieme dei paesi dell’Unione Europea  si registra un complessivo rallentamento della diffusione del virus, fa eccezione la Catalogna dove si sono registrati focolai e preoccupa Barcellona. Incrementi di casi anche nell’Est Europa, in particolare in Serbia e Montenegro.

Continua l’esplosione in Brasile dove solo nell’ultima settimana si sono registrati altri 8.000 morti, ancora di più che nella settimana precedente. Il Brasile è il paese con il numero di casi e di morti più alto al mondo dopo gli Usa, avendo superato i 2 milioni con un incremento di 245.000 casi in una settimana, mentre il presidente brasiliano Bolsonaro continua a minimizzare la questione anche dopo essere stato colpito a sua volta dal Covid-19. Sono ormai in molti a sostenere che Bolsonaro si stia macchiando di un genocidio a carico in particolare delle popolazioni native del Brasile e degli abitanti delle favelas.

Oltre al Brasile, in Sud America sono particolarmente toccati dall’escalation del virus il Perù, il Messico e il Cile, tutti presenti nella triste classifica dei 10 paesi con il maggior numero di casi accertati.

Altro paese che segnala un preoccupante sviluppo della diffusione è l’India.  Con 218.000 nuovi casi nell’ultima settimana ha superato la soglia del milione dall’inizio della pandemia. Il numero dei nuovi casi in India cresce di settimana in settimana, nella settimana precedente i casi erano stati 173.000

Italia: rallenta la diffusione del coronavirus ma l’indice RT in alcune regioni è superiore a 1

In Italia il numero dei nuovi casi accertati tende a ridursi, nell’ultima settimana anche in Lombardia, la regione più colpita.

Sulla Lombardia si è sempre in attesa di conoscere i risultati delle indagini avviate dalla magistratura (la mancata zona rossa di Alzano, la riapertura dopo 3 ore del pronto soccorso senza precauzioni dopo che era stato registrato un caso di covid-19, la strage nelle Case di Riposo).

Un dato preoccupante, secondo il monitoraggio settimanale del Ministero della Salute, è che in alcune l’indice RT che indica la capacità di diffusione del virus è salito sopra a 1 (1 rappresenta la soglia di guardia al sopra della quale la diffusione del virus potrebbe aumentare).

In particolare si tratta di sei regioni: Veneto, Toscana, Lazio, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. Questi i dati riferiti alle singole Regioni e alle Province autonome: 

– Abruzzo: Rt 0,21
– Basilicata: Rt 0,02
– Calabria: Rt 0,13
– Campania: Rt 0,93
– Emilia Romagna: Rt 1,06
– Friuli-Venezia Giulia: Rt 0,77
– Lazio: Rt 1,23
– Liguria: Rt 0,78
– Lombardia: Rt 1,14
– Marche: Rt 0,63
– Molise: Rt 0,05
– Piemonte: Rt 1,06
– Bolzano: Rt 0,14
– Trento: Rt 0,25
– Puglia: Rt 0,07
– Umbria: Rt 0,39
– Sardegna: Rt 0,32
– Sicilia: Rt 0,43
– Toscana: Rt 1,24
– Valle d’Aosta: Rt 0,1

I dati ufficiali per paese: casi accertati e morti

Di seguito i dati ufficiali dei 10 paesi con più casi accertati e più morti per Covid-19 in base alle statistiche ufficiali al 18 luglio.

I segni (+) e (-) indicano le variazioni nel ranking rispetto a 7 giorni fa.

Casi confermati

  • 3.648.000 Stati Uniti
  • 2.046.000 Brasile
  • 1.039.000 India
  • 758.000 Russia
  • 346.000 Perù
  • 338.000 Sud Africa (+)
  • 331.000 Messico (+)
  • 326.000 Cile (-)
  • 295.000 Regno Unito (-)
  • 269.000 Iran
  • L’Italia è 14a con 244.000 casi preceduta anche da Pakistan, Spagna e Arabia Saudita

Morti

  • 139.000 Stati Uniti
  • 78.000 Brasile
  • 45.000 Regno Unito
  • 38.000 Messico (+)
  • 35.000 Italia (-)
  • 30.000 Francia
  • 28.000 Spagna
  • 26.000 India
  • 14.000 Iran
  • 13.000 Perù

Foto della Macau photo Agency: una strada della regione amministrativa speciale di Macao della Repubblica Popolare Cinese

Leggi anche:
Covid-19, gli infermieri francesi ottengono uno storico aumento di salario
Covid-19, in Puglia “Start” assegna 2mila euro in più
Covid-19, il vaccino possibile solo grazie al sangue di un granchio raro

La cannella: una spezia bella, buona e brava

Dom, 07/19/2020 - 08:00

In bastoncini, in polvere, estratta e anche in compresse, nella torta di mele, oppure nelle tisane con il miele o nella cioccolata, la cannella con il suo sapore dolce e rinfrescante è proprio una grande coccola, sa di inverno, di chiacchierate con gli amici, di comfort food.

Innanzi tutto diciamo che si tratta della corteccia e dei rami di alberi della famiglia della Lauraceae. La più pregiata arriva dallo Sri Lanka – Cinnamomum zeylanicum – mentre quella cinese – Cinnamomum Cassia – è meno pregiata e contiene una maggior quantitativo di cumarina, sostanza lievemente tossica.

Gli antichi Romani la assumevano come afrodisiaco, in Egitto veniva utilizzata per imbalsamare le salme grazie al suo potere antimicotico. In tempi moderni è apprezzata nei casi di raffreddore e mal di gola per la sua azione antisettica.

E fa anche dimagrire? Per la sua capacità di imitare l’attività dell’insulina, alcuni studi si sono concentrati sul suo eventuale utilizzo nella terapia naturale del diabete di tipo 2. In questo caso i risultati non sono definitivi, essendosi concentrati su piccoli campioni. In particolare uno studio pubblicato su Nutrition Journal nel 2015 afferma nelle sue conclusioni che: “La cannella ha il potenziale per essere un’utile terapia aggiuntiva nella disciplina della medicina integrativa nella gestione del diabete di tipo 2. Attualmente le prove sono inconcludenti e sono necessarie prove a lungo termine volte a stabilire l’efficacia e la sicurezza della cannella. Tuttavia, un alto contenuto di cumarina di Cinnamomum Cassia – quella prodotta in Cina, NdR – è una preoccupazione, ma il Cinnamomum zeylanicum – dallo Sri Lanka – con il suo basso contenuto di cumarina sarebbe un sostituto più sicuro”.

Ma, se anche sul suo utilizzo nella terapia del diabete permangono ancora dubbi, le sue  particolari caratteristiche la possono rendere essere interessante nelle diete ipocaloriche dimagranti.
La cannella aiuta infatti il processo digestivo stimolando la secrezione dei succhi gastrici e quindi limita la formazione di fermentazioni che determinano il gonfiore alla pancia.

Inoltre regola la glicemia e l’insulina abbassando l’indice glicemico degli alimenti, favorendo l’azione dell’insulina nelle cellule adipose e muscolari e riducendo così l’accumulo di zuccheri e quindi il grasso, soprattutto addominale. Ecco perché in molti articoli trovate che la cannella viene anche consigliata per diminuire la circonferenza della vita e del bacino.

Questo non significa che la cannella possa sostituire una dieta equilibrata o una sana attività fisica… ma aiuta.

E se tutto questo non bastasse la cannella possiede proprietà termogeniche. Come il peperoncino, aumenta il calore corporeo e alza il metabolismo: di conseguenza se ne prendiamo di più, bruciamo più grassi e dimagriamo. Aggiungere un po’ di cannella agli spuntini di metà mattina o di metà pomeriggio aiuta anche ad aumentare il senso di sazietà e diminuisce la voglia di mangiare alimenti dolci.

E c’è di più: la cannella migliora il sistema immunitario, combatte, come abbiamo già detto, le affezioni dell’apparato respiratorio, favorisce la digestione ed è un antisettico naturale, contribuisce ad abbassare il livelli del colesterolo “cattivo”, allevia i dolori mestruali.

Attenti però a non esagerare: la dose massima consigliabile è di un cucchiaino da caffè al giorno ed è controindicata, specie quella cinese per la presenza di cumarina, a chi assume farmaci anticoagulanti; inoltre il sovradosaggio è dannoso per chi ha problemi al fegato o ai reni. Per i diabetici già in cura con farmaci ipoglicemizzanti come la Metformina è meglio consultare il proprio medico prima di inserire la cannella nella dieta giornaliera. Lo stesso dicasi per le donne in gravidanza o durante allattamento.

Come per tutte le spezie ci vuole un pizzico di attenzione, ma quanto è buona la cannella…

Fonti:

https://www.viversano.net/alimentazione/dieta-e-salute/cannella-per-dimagrire/
https://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/19793-cannella-brucia-grassi
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24019277
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14633804
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24716174
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26475130
https://www.nature.com/srep/

 

Fiac, vittoria operaia | Fecondazione assistita è boom post lockdown | Genova: ponte fuori norma

Dom, 07/19/2020 - 06:25

Corriere della Sera: ‘Pochi clienti? Aiutiamo i ristoratori a cambiare attività’ Bufera su Castelli, ira Lega Le parole della viceministra;

Il Giornale: Lampedusa, ira e paura: “Ora basta sbarchi da noi” Altri 240 arrivi sull’isola siciliana. Il turismo adesso è a rischio. Un migrante: “Qui perché avete leggi poco restrittive“;

Il Manifesto: Fiac, vittoria operaia: la ditta resta almeno un anno;

Il Mattino: Fisco, ecco cosa va pagato da lunedì. Niente proroga: ira dei commercialisti;

Il Messaggero: Fecondazione assistita, boom di richieste dopo il lockdown;

llsole24ore: Cinque grafici che spiegano perché l’Italia non è un Paese per giovani;

Il Fatto Quotidiano: Catalogna, impennata di contagi: 1200 in 24 ore, Francia valuta chiusura delle frontiere. Iran, Rohani: “Stimati 25 milioni di positivi”;

La Repubblica: Aiuti Ue, colpo all’Italia: i Paesi frugali chiedono tagli a sussidi per 155 miliardi di euro. In arrivo nuova proposta di Michel;

Leggo: Coronavirus, record di contagi in Spagna. La Francia: «Possibile chiusura dei confini con Madrid». Guai anche in Romania;

Tgcom24: Genova, sul nuovo ponte una curva troppo stretta potrebbe abbassare il limite di velocità;